Notizie Risultati
Champions League

Porto-Roma, il VAR punisce Florenzi: trattenuta su Fernando

23:36 CET 06/03/19
Porto Roma Florenzi Fernando rigore
Il goal decisivo del Porto è arrivato con l'aiuto del VAR per un fallo in area di Florenzi. Ignorato, poco dopo, un probabile pestone su Schick.

Chi di VAR ferisce, di VAR ferisce. Siamo stati noi italiani a testare per primi la tecnologia applicata al calcio, introducendola in Serie A all'inizio dello scorso campionato. E ora a farne le spese è stata la Roma, eliminata dalla Champions League per un rigore concesso al Porto nei supplementari.

Con DAZN segui la Serie A IN STREAMING, LIVE E ON DEMAND

Protagonista in negativo Alessandro Florenzi, che al minuto 117, e con le due squadre mentalmente preparate alla lotteria dei calci di rigore stante il punteggio di 2-1 identico a quello dell'andata, ha commesso una colossale ingenuità: il terzino romano ha trattenuto Fernando a pochi passi dalla porta, inducendo l'arbitro Çakir a portarsi a bordo campo per controllare il replay.

Al rientro del fischietto turco sul terreno di gioco, è accaduto quel che molti immaginavano: braccio rivolto verso il dischetto e Porto beneficiato di un calcio di rigore. Dagli undici metri si è presentato Alex Telles, un passato all'Inter (2015/16), che ha spiazzato Olsen firmando il 3-1 della qualificazione.

Il replay non mente: la maglia di Fernando si allunga visibilmente sulla trattenuta di Florenzi. E non è di grande consolazione il fatto che il giocatore del Porto abbia visibilmente accentuato la caduta una volta avvertito il contatto del terzino.

Il bello è che, pochissimi minuti dopo la concessione del rigore al Porto, il match ha vissuto un altro episodio chiave: un probabile pestone in area di Marega su Schick, che Çakir questa volta ha deciso di ignorare, rinunciando alla possibilità di portarsi a bordo campo per controllare il replay. E la Roma, a causa anche di questa differenza di valutazioni, ha detto addio alla Champions League.