Pioli conferma: "Abbiamo chiesto di non giocare nell'anniversario della morte di Astori"

Commenti()
Getty Images
Stefano Pioli ha confermato la richiesta della Fiorentina di non giocare la sfida contro l'Atalanta il giorno dell'anniversario della morte di Astori.

In piena corsa Europa, con una semifinale di Coppa Italia da giocare, la Fiorentina vive un momento positivo: la squadra di Stefano Pioli viene da 7 risultati utili consecutivi e sembra aver messo alle spalle il momento negativo vissuto tra ottobre e novembre.

Con DAZN segui la Serie A IN STREAMING, LIVE E ON DEMAND

Anche nello 0-0 contro il Napoli maturato sabato, tra i migliori in campo c'è stato Federico Chiesa, che sta vivendo una stagione di crescita. A 22 anni da compiere il prossimo ottobre, l'ala della Nazionale deve ancora decidere il suo futuro.

Il suo allenatore ha parlato anche di questo nel suo intervento a 'Radio Anch'io Sport', senza però sbilanciarsi su ciò che sceglieranno società e giocatore.

"So solamente che Federico sta crescendo tanto, non è un giocatore da 20 goal a campionato ma sta migliorando in fase realizzativa, è più concreto ed efficace, fa la scelta giusta al momento giusto. Credo nessuno possa sapere quale sarà il suo futuro".

Il tecnico si è anche soffermato sul ricordo di Astori, il cui anniversario della tragica scomparsa è sempre più vicino. Il 4 marzo però è fissata Atalanta-Fiorentina di Serie A, sfida che i viola chiederanno possa essere spostata in un'altra data.

"Abbiamo chiesto di non giocare quel giorno perché crediamo sia giusto ricordare Davide in altre situazioni. La società sta programmando celebrazioni in ricordo di Davide, anche se noi ce lo sentiamo sempre dentro in ogni situazione"

Questioni sentimentali che si vanno a incrociare anche con gli impegni di campionato e Coppa Italia. Pioli sottolinea come servano cambiamenti di orari in vista della semifinale, prevista pochi giorni prima della sfida di campionato.

"In quel periodo abbiamo anche la semifinale d'andata contro l'Atalanta e nella partita precedente dovrà esserci un cambiamento, perché noi giochiamo la domenica sera con l'inter e l'Atalanta il sabato alle 15.00 con il Torino, non mi sembra corretto far giocare una semifinale con 36 ore di differenza."

Chiudi