Perisic lascia l'Inter? Vecchi cade dalle nuvole: "Io non so nulla"

Commenti()
Ha terminato la stagione con una vittoria l'Inter e per Vecchi, tecnico-traghettatore, l'avventura in prima squadra è stata soddisfacente.

L'Inter ha chiuso il suo campionato con una larga vittoria, un 5-2 rifilato all'Udinese. Un campionato difficile e deludente quello dei nerazzurri, terminati fuori dai posti che regalano l'accesso alle coppe europee. Una stagione che ha visto avvicendarsi diversi allenatori in panchina, con Stefano Vecchi a chiudere la stagione in attesa del mister che verrà.

"Cosa direi al prossimo tecnico? Che la squadra deve ritrovare la cultura del lavoro - ha affermato Vecchi in conferenza stampa - E mi riferisco a tutto il gruppo. La nostra difficoltà è stata questa, ma devo ringraziare comunque buona parte del gruppo, quella che si è impegnata ed è ripartita per finire la stagione con dignità, sia in settimana negli allenamenti che sul campo".

Ora la parola passerà pienamente al calciomercato per la costruzione della squadra che nella prossima stagione dovrà riscattarsi. Fra i possibili addii c'è quello di Perisic e sembrerebbe che Vecchi a fine gara abbia detto al suo giocatore "In bocca al lupo ovunque andrai". Il tecnico nerazzurro però smentisce... "No no, gli ho detto una parolaccia - ha affermato ridendo - Non so cosa stanno facendo sul mercato, leggo solo quello che viene scritto. Lui poi non parla mai, ma non abbiamo mai avuto il sentore della sua partenza".

Per quanto riguarda l'attacco, nelle ultime partite si è messo bene in evidenza Eder... "Lui il prossimo vice-Icardi? Se devo fare considerazioni personali - ha detto Vecchi - sicuramente Pinamonti è un profilo importante a livello giovanile e la convocazione in U21 lo conferma. Eder è nella nazionale maggiore, non penso sia un giocatore che si scopre adesso. Con me ha avuto più spazio e fatto bene, poi su entrambi do un giudizio positivo ma toccano alla società e al prossimo allenatore dare valutazioni".

Un Eder come quello visto nelle ultime gare con Vecchi, accanto a Icardi avrebbe potuto essere molto utile... "Bisogna però avere la forza di reggere le due punte - ha spiegato Vecchi - e questo non dipende solo dai due attaccanti, ma anche dall'organizzazione della difesa e del centrocampo. Qualche volta l'abbiamo fatto, a novembre col Crotone ad esempio, ma si fa fatica a gestire la gara giocando così e rischiamo di andare in balìa dell'avversario".

Prossimo articolo:
Dove vedere PSG-Guingamp in tv e streaming
Prossimo articolo:
Arsenal-Chelsea: probabili formazioni e dove vederla in tv e streaming
Prossimo articolo:
Calciomercato Napoli, De Laurentiis: "Allan e Koulibaly via solo con offerte indecenti"
Prossimo articolo:
Real Madrid-Siviglia: probabili formazioni e dove vederla in tv e streaming
Prossimo articolo:
Probabili Formazioni Serie A
Chiudi