Pellegatti dice addio alle telecronache dal Milan: "Grazie per questi 35 anni"

Commenti()
@carlo.pellegatti
Il commentatore-tifoso del Milan non sarà più la voce dei rossoneri: "Non sarò io ad urlare i nuovi soprannomi...".

Da Zorro a Il vento dell'Est, dal Cigno di Utrecht a Cuore di Drago. Difficilmente un tifoso del Milan cresciuto tra gli anni '80 e i primi 2000 non ha mai sentito tali soprannomi. Tutti dati da Carlo Pellegatti, noto giornalista di fede rossonera e telecronista per le gare del Diavolo: ora il microfono è appeso al chiodo.

Segui Napoli-Milan in esclusiva in diretta streaming su DAZN

Pellegatti infatti non sarà più commentatore del Milan dopo 35 anni in cui ha fatto innamorare tantissimi tifosi rossoneri delle sue telecronache, dei suoi fantasiosi soprannomi assegnati a tutti i giocatori che hanno vestito la maglia del club meneghino. Dai fuoriclasse alle comparse.

"Atalante il Titano Higuain. Demone Caldara. Molosso Bakayoko. Semaforo Reina Reina. Falce Dentata Strinic. El Lustroso Castillejo. Coriandolo Halilovic. Vampata di calore Laxalt. Questi i nuovi soprannomi. Non li urlerò io però dal microfono" ha fatto sapere Pellegatti via Instagram.

L'articolo prosegue qui sotto

Sul social più in voga del momento, Pellegatti ha ringraziato tutti i fans, rossoneri e non: "Le mie telecronache sono finite. Ringrazio tutti coloro che mi hanno seguito, con grande affetto, da Radio Panda a Premium Sport, in questi indimenticabili 35 anni...e sempre Forza Milan".

Pellegatti è stato uno dei giornalisti più noti di Mediaset degli ultimi tre decenni: amatissimo dai tifosi rossoneri, è stato anche volto e voce della televisione ufficiale del Milan, dando soprannomi storici a dirigenti, allenatori e giocatori del Diavolo.

Su tutti probabilmente il soprannome con cui era solito chiamare Marco Van Basten, divenuto di uso comune: Il Cigno di Utrecht. Non sarà più il telecronista-tifoso su Mediaset, ma continuerà a dare nuovi nomi ai rossoneri in altri modi. Innanzitutto, grazie ai social.

Prossimo articolo:
Inter in difficoltà col Sassuolo, Spalletti: "Troppe palle perse"
Prossimo articolo:
Inter-Sassuolo, le pagelle: Handanovic super, Icardi in serata no
Prossimo articolo:
Tabella infortunati, squalificati e diffidati in Serie A
Prossimo articolo:
Liga, risultati e classifica 20ª giornata - Vincono Real ed Atletico Madrid
Prossimo articolo:
Inter-Sassuolo 0-0: Noia a 'San Siro'
Chiudi