Panchina con il Montenegro e rientro a Milano: l'Inter ritrova Jovetic

Commenti()
Getty Images
Il Ct del Montenegro, Brnovic, come previsto sceglie di non rischiare Jovetic contro l'Austria: solo panchina per il fantasista dell'Inter. Dunque il rientro in Italia.

Tutto come previsto per Stevan Jovetic: il Ct del Montenegro Branko Brnovic ha infatti deciso, come da indiscrezioni degli ultimi giorni, di non rischiare dal primo minuto il fantasista dell'Inter nella gara contro l'Austria. E dunque di farlo tornare a Milano

Il giocatore nerazzurro, deve ancora recupera pienamente dall'infortunio riportato nel riscaldamento pre-gara contro la Fiorentina in campionato, ovvero un'elongazione del bicipite femorale della coscia sinistra, ma è stato regolarmente convocato nella sua Nazionale, che si gioca la qualificazione ad Euro 2016 nelle ultime due partite del gruppo G contro Austria e Russia.

L'Inter, che spera di poterlo schierare alla ripresa del campionato nel derby d'Italia contro la Juventus, può però stare tranquilla: Brnovic ha infatti lasciato Jo-Jo in panchina per tutti i 90 minuti.

L'idea del Ct era probabilmente quella di schierarlo nell'ultima gara contro la Russia, nella speranza che questa gara fosse decisiva per la qualificazione del Montenegro.

E invece non sarà così, visto il risultato maturato: il 2-3 rimediato nella serata di venerdì contro l'Austria ha eliminato matematicamente la Nazionale balcanica, lasciando così Jovetic libero di rientrare in Italia dopo l'ok del commissario tecnico Brnovic.

"Jovetic è da poco rientrato a Milano dopo la sconfitta della nazionale montenegrina nella gara di ieri sera contro l'Austria” il comunicato dell'Inter, che ha così confermato il ritorno del montenegrino in Italia. Dopo la rabbia di Mancini contro la federazione balcanica e le rassicurazioni da parte dello stesso giocatore, la società nerazzurra può sorridere.

Per Mancini un rientro fondamentale quello di Jovetic, visto e considerando come domenica 18 ottobre sia in programma Inter-Juventus. Una gara da non sbagliare, per ovvi motivi.

Chiudi