Ødegaard baby fenomeno: è il più giovane a disputare una partita di qualificazioni

Commenti()
Getty Images
Entrando nel secondo tempo di Norvegia-Bulgaria 2-1, Martin Ødegaard è diventato Ø il più giovane a disputare una partita di qualificazioni: 15 anni e 300 giorni.

Partiamo dall'inizio, e non dalla fine. Curioso perchè tutto si svolge nel giro di due mesi. E' il 14 ottobre del 1998 il Lichtenstein affronta l'Azerbaijan per le qualificazioni a Euro 2000: in campo anche Ronny Büchel, la carta iù giovane della storia, nella mischia a 16 anni e 209 giorni. Fino a oggi.

Allora non era neanche nato Martin Ødegaard, babyfenomeno della Norvegia e dello Strømsgodset. In programma sì, ma nel campo della vita solo il 17 dicembre del 1998, due mesi dopo l'esordio in Nazionale per Büchel. Un record difficile da battere: ci sono voluti sedici anni.

Ødegaard è di fatto entrato in campo nel match contro la Bulgaria, vinto dalla Norvegia per 2-1: il centrocampista non aveva fatto il suo esordio nelle precedenti gare in cui era stato convocato, ma a neanche sedici anni, e con quasi un anno di vantaggio rispetto a Büchel sarebbe stato solo questione di tempo.

Mezza Europa, in Italia Juventus e Roma, hanno messo gli occhi su di lui in questo 2014, ovvero da quando il norvegese è diventato perno fondamentale Strømsgodset, con goal, assist e tanta qualità messa in mostra durante tutto l'anno.

L'articolo prosegue qui sotto

Quella contro la Bulgaria non è stata però la prima gara ufficiale di Ødegaard: il 15enne aveva giocato tutta la gara contro gli Emirati Arabi Uniti, amichevole dello scorso agosto conclusasi a reti bianche. Quest'ultima sfida ha fatto di lui il più giovane norvegese di sempre in Nazionale.

Predestinato, fenomeno. Tutto troppo in fretta? Forse sì e forse no, perchè le qualità del giocatore sono indubbie, ma il rischio è che possa essere un nuovo Adu, ovvero un giocatore veramente giovanissimo, risucchiato dal calcio e sputato fuori troppo presto.

Starà a lui e a chi gli sta intorno nella vita di ogni giorno evitare accelerate improvvise della sua carriera: a 15 anni servirà gestirlo. Sopratutto dopo essere entrato nella storia. Mica facile.

Chiudi