Notizie Risultati
Calciomercato

Nuovo CT, FIGC in pressing su Ancelotti: arriva anche la telefonata di Galliani

09:52 CET 18/11/17
Galliani Ancelotti - Italy
Adriano Galliani ha telefonato all'amico Carlo Ancelotti per convincerlo ad accettare la panchina dell'Italia. E' la prima scelta della FIGC.

La FIGC ha scelto: Carlo Tavecchio vuole Ancelotti. E' l'ex allenatore di Juventus, Milan, Real Madrid, PSG, Chelsea e Bayern Monaco l'uomo individuato dalla Federazione per cancellare la parentesi Ventura e ripartire dopo la tremenda delusione dell'eliminazione da Russia 2018.

Ora però c'è da convincere lo stesso Ancelotti, attualmente a Vancouver dove vive insieme alla moglie dopo l'esonero di qualche mese fa e in attesa di una nuova chiamata, magari dalla Premier League.

Il tecnico a dire il vero sarebbe tentato dall'accettare la proposta della FIGC ma chiede precise garanzie, più tecniche che economiche anche se il contratto col Bayern gli garantisce circa 4 milioni di euro da qui fino a giugno. Esattamente il massimo che potrebbe guadagnare da CT dell'Italia in 12 mesi.

Nelle ultime ore, secondo quanto riporta 'Il Corriere dello Sport', il pressing su Ancelotti si sarebbe intensificato tanto che dopo il DG della FIGC Michele Uva anche l'amico Adriano Galliani lo ha chiamato per convincerlo a dire sì alla Nazionale.

Una sponda sicuramente gradita a Carlo Tavecchio, che a 'Porta a Porta' aveva già incassato l'ok di Silvio Berlusconi alla nomina dell'ex rossonero come nuovo commissario tecnico.

Intanto però il presidente federale deve preparare il programma da presentare lunedì in Consiglio. Programma che, secondo 'La Gazzetta dello Sport', dovrebbe mettere al centro proprio la Nazionale.

In tal senso sarebbero allo studio incentivi in denaro per le società che valorizzeranno i giocatori italiani, con premi per i club che li formano e li schierano. Inoltre il minutaggio concesso agli azzurrabili potrebbe anche diventare un criterio per i ripescaggi.

Infine, entro l'anno, si punta a varare l'introduzione delle seconde squadre. Un cavallo di battaglia di tanti presidenti di Serie A, Andrea Agnelli in primis. Basterà a Tavecchio per conservare la poltrona?