Notizie Risultati Live
Serie A

Numeri primi - Juventus da record in casa, Bacca e Immobile show

18:42 CET 09/01/17
Gonzalo Higuain Juventus Bologna
La pausa natalizia non regala soprese: da Juventus a Inter vincono tutte le prime sette della classe. Per i bianconeri striscia da leggenda.

Il 2017 apre i battenti con un altro record che sottolinea, ancora, l’egemonia della Juventus nel campionato italiano da cinque anni a questa parte. Sconfiggendo il Bologna i bianconeri allungano a 26 la striscia di vittorie casalinghe di fila in campionato, mai nessuna squadra ci era riuscita nella storia della Serie A.

Juve, riecco Bonucci: in campo domenica?

Trascinata da Higuaín e Dybala, la Juventus risponde nel posticipo della 19ª giornata alle altre dirette rivali, che avevano già tutte conquistato i tre punti. L’ex attaccante del Napoli giunge a 12 marcature stagionali in campionato, a meno due dal capocannoniere Icardi, ma con un primato a suo favore, quello di essere l’unico calciatore tra quelli in doppia cifra a non aver segnato su calcio di rigore.

Cancellata la sconfitta in Supercoppa, e rimosso il dolore del penalty sbagliato, anche Dybala partecipa alla vittoria sul Bologna, andando a segno proprio dal dischetto, e portando a quattro il suo bottino stagionale. Lontano ancora dalle sue medie realizzative migliori, è sempre un contributo indispensabile per la Juve, dato che con lui in campo la Vecchia Signora raccoglie in media 2.5 punti a partia, senza 2.1 goal, e ne subisce appena 0.6.

Da un attaccante ad un altro, Carlos Bacca, tornato anch’egli ad essere decisivo. Il colombiano e tutto il popolo rossonero tirano un sospiro di sollievo quando, al minuto 88, Bacca segna l’1-0 contro il Cagliari, terminando il suo digiuno realizzativo più lungo da quando gioca in Europa, 594 minuti. Una gara dominata dall’inizio alla fine, con i record positivi di tiri effettuati (29) e subìti (solo 7) in un match di questo campionato, e altri tre punti in casa che fanno del Milan la terza forza del campionato di fronte al proprio pubblico (23 punti) dopo Juve e Roma a punteggio pieno.

Faticano molto le due romane, che alla fine la spuntano contro Crotone e Genoa. I giallorossi escono da Marassi con tre punti propiziati da un autorete di Izzo, e una prestazione offensiva deludente, che li ha visti tirare in porta solo 3 volte in tutto il match, per di più mai nella ripresa. Spiccano le prestazioni di Fazio, le cui 22 respinte difensive sono un record per un giocatore in una partita di questa Serie A, e Szczesny, che porta a sette il conto dei clean sheet stagionali grazie a quattro parate.

La Lazio invece batte i calabresi con una rete di Immobile allo scadere, mettendo fine a sette gare di astinenza da goal e portando la squadra biancoceleste a 37 punti in classifica, secondo miglior parziale per la Lazio nelle ultime 14 stagioni.

Un discorso questo che coinvolge a pieno titolo anche l’Atalanta, i cui 35 punti a questo punto del torneo rappresentano un record assoluto per il club in un girone a 20 squadre. Ma il leitmotiv della prima giornata del 2017 sono stati senza dubbio i goal nell’ultimo quarto d’ora di partita, ben 6, tutti decisivi.

Un dato che conferma la tendenza di questo campionato con 124 reti su 518 giunte proprio nei 15 minuti finali, ossia il 24% - la percentuale più alta negli ultimi cinque campionati.