Norme FIGC modificate, il Crotone chiede di essere ammesso come 21° squadra di Serie A

Commenti()
Getty Images
La modifica delle norme NOIF da parte del commissario FIGC Fabbricini per consentire una Serie B a 19 squadre viena colta al balzo dal Crotone.

Il calcio italiano è nal caos totale, dopo il varo ufficiale della Serie B a 19 squadre, avallata dalla FIGC, con tanto di cambio delle normative NOIF. Proprio facendo leva sull'atto del commissario federale Fabbricini, il Crotone adesso chiede di essere ammesso alla prossima Serie A come 21° squadra.

Con DAZN avrai oltre 100 match di Serie A in esclusiva e tutta la Serie B IN STREAMING, LIVE E ON DEMAND

Secondo quanto riferito da 'Crotone news', dopo la modifica dell'articolo 50 del NOIF, la società calabrese chiede di essere ammessa nel prossimo campionato di Serie A, proprio a pochi giorni dall'inizio della nuova stagione. La posta certificata è stata già spedita dai legali del club.

Questa la richiesta ufficiale: "Facendo seguito a tutta la pregressa corrispondenza, considerata la recente modifica dell’art .50, comma 3 delle NOIF. Considerato che in vista della quasi certa penalizzazione dell’AC Chievo Verona all’esito dell’udienza fissata per il prossimo 12 settembre; considerato che la penalizzazione avrebbe l’effetto di falsare il regolare svolgimento del prossimo campionato di Serie A che sta per iniziare; previo espletamento degli incombenti a carico degli organi in indirizzo, si chiede l’ammissione di FC CROTONE SRL in sovrannumero al campionato di Serie A 2018/2019“.

Il Crotone fa dunque riferimento al caso del Chievo in merito all'indagine sulle plusvalenze fittizie, che potrebbe portare ad una penalizzazione del club veneto: da valutare però se la sentenza decreterà la punizione per il campionato passato (ipotesi che consentirebbe la salvezza 'a posteriori' del Crotone) o per il prossimo, come avvenuto per il caso analogo del Cesena. Ma intanto la squadra calabrese non ci sta e reclama un posto in prima fila.

Chiudi