Nations League, l'Italia retrocede se... Tutti gli scenari

Commenti()
L'Italia si gioca la permanenza nella Divisione A della Nations League contro la Polonia: in caso di sconfitta sarà già retrocessione.

La vittoria ottenuta dal Portogallo in Polonia potrebbe essere decisiva anche per il futuro dell'Italia in Nations League. Gli Azzurri di Mancini infatti si giocano tutto stasera proprio contro la Polonia, quando potrebbero ottenere la matematica salvezza o retrocedere già nella Divisione B. Ecco tutti gli scenari.

Con DAZN vedi oltre 100 match di Serie A in esclusiva e tutta la Serie B IN STREAMING, LIVE E ON DEMAND


SE L'ITALIA VINCE IN POLONIA


In caso di vittoria gli Azzurri salirebbero a quota 4 punti e sarebbero in vantaggio sulla Polonia negli scontri diretti, quindi avrebbero la certezza di evitare la retrocessione, a cui andrebbero matematicamente incontro proprio i polacchi. A quel punto si riaprirebbero anche le possibilità più remote di primo posto, col Portogallo attualmente lontano 5 punti.


SE L'ITALIA PERDE IN POLONIA


Al contrario un'eventuale sconfitta in Polonia sancirebbe la matematica retrocessione dell'Italia nella Divisione B, con gli Azzurri che a quel punto sarebbero in svantaggio negli scontri diretti.


SE L'ITALIA PAREGGIA IN POLONIA


In caso di pareggio ogni discorso verrebbe rimandato alle prossime sfide che vedranno l'Italia ospitare il Portogallo il 17 novembre e la Polonia impegnata in casa dei lusitani tre giorni dopo.


IL CALENDARIO DEL GRUPPO 3


Polonia-Italia, domenica 14 ottobre 

Italia-Portogallo, sabato 17 novembre

Portogallo-Polonia, martedì 20 novembre


LA CLASSIFICA DEL GRUPPO 3


1) Portogallo 6 punti

2) Polonia 1 punto

3) Italia 1 punto


I CRITERI IN CASO DI ARRIVO A PARI PUNTI


a) Il numero di punti conquistati negli scontri diretti.

b) La differenza reti negli scontri diretti.

c) Il numero di goal segnati negli scontri diretti.

d) Il numero di goal segnati fuori casa negli scontri diretti.

e) Se dopo i criteri precedenti le squadre a pari merito da tre diventano due vengono riapplicati a entrambe gli stessi criteri per stabilire una classifica finale.

f) La differenza reti in tutte le partite del gruppo.

g) Il numero di goal segnati in tutte le partite del gruppo.

h) Il numero di goal segnati in trasferta in tutte le partite del gruppo.

i) Il numero di vittorie in tutte le partite del gruppo.

j) Il numero di vittorie in trasferta in tutte le partite del gruppo

k) Il minor numero di punti basato sui cartellini in tutte le partite del gruppo (cartellino rosso: 3 punti, cartellino giallo: 1 punto, espulsione per due cartellini gialli: 3 punti).

l) Posizione nella classifica UEFA per coefficienti.

Prossimo articolo:
Guida TV: dove vedere tutto il calcio in diretta TV e streaming
Prossimo articolo:
Milan, la difesa fa acqua: in campionato subisce sempre goal da aprile
Prossimo articolo:
Tabella infortunati, squalificati e diffidati in Serie A
Prossimo articolo:
Milan ko nel Derby, Gattuso: "L'Inter ha meritato di più ai punti"
Prossimo articolo:
Classifica assist Serie A 2018/2019
Chiudi