Notizie Risultati Live
Serie A

Napoli, Insigne svela: "Ancelotti ha già chiamato tutti, è un vincente"

12:15 CEST 28/05/18
Lorenzo Insigne Napoli
Lorenzo Insigne racconta le proprie sensazioni su Carlo Ancelotti: "L'ho saputo da tv e giornali, è stata una bella sorpresa".

Il Napoli riparte da Carlo Ancelotti, che ha già acceso nuovamente l'entusiasmo in una piazza delusa da un finale di stagione poco brillante. Lorenzo Insigne si fa portavoce dell'umore dello spogliatoio azzurro dopo l'arrivo del nuovo allenatore.

Come riferito dal 'Corriere dello Sport', l'attaccante azzurro racconta le proprie sensazioni: "Ho scoperto la notizia attraverso tv e giornali. Sono contento per l’arrivo di Ancelotti che è un grande allenatore e ha vinto tanto. Vederlo al Napoli mi fa un effetto incredibile. E' stata una sorpresa, perchè ci aspettavamo che Sarri rimanesse, ma il presidente ha fatto la sua scelta. Personalmente sono contento che sia arrivato Ancelotti perché sono sempre stato desideroso di lavorare con lui. Ha già lavorato in grandi squadre e con grandi campioni. Da uno così c’è solo da imparare".

Insigne ringrazia poi Sarri per il lavoro fatto a Napoli: "Bisogna dare merito a Sarri che in tre anni ha fatto cose straordinarie e con lui il Napoli è cresciuto tantissimo. Se qualcuno di noi calciatori ha richieste da altri club, il merito è suo. Se siederà sulla panchina del Chelsea sarò contento, perché ha fatto bene con il Napoli e il nostro calcio è stato apprezzato da tutti. Gli faccio un grande in bocca al lupo e spero che porti lì la sua mentalità".

Proprio quel Chelsea che corteggia ormai da tempo Koulibaly: "Se qualcuno cambierà aria, mi dispiacerà. Koulibaly non lo vuole solo il Chelsea, ma mi auguro che rimanga perché nello spogliatoio siamo un bel gruppo. Se invece qualcuno andrà via, sono sicuro che Ancelotti conosca tanti giocatori forti e che la società rimpiazzerà chi partirà".

Sul fronte partenze va discussa anche la delicata questione Hamsik: "So che Ancelotti lo ha chiamato, ma non so cosa si sono detti. L'addio di Marek sarebbe una brutta notizia per tutta la piazza, perché ormai dopo 10 anni è napoletano. Il mister ha telefonato anche a me e altri compagni. Mi ha detto di stare tranquillo perché possiamo fare grandi cose se partiamo con la testa giusta, è un vincente".