Morte Astori: chiuse le indagini, rischio processo per i due medici accusati

Commenti()
Getty
Chiuse le indagini sulla morte di Astori da parte della Procura di Firenze: due medici a rischio 'rinvio a giudizio' con l'accusa di omicidio colposo.

E' trascorso poco più di un anno dalla morte (4 marzo 2018) di Davide Astori. Ed una settimana dopo la commemorazione da parte di tutta la Serie A del giocatore classe 1987 arriva la notizia della chiusura delle indagini sulla sua morte da parte della Procura di Firenze.

Con DAZN segui la Serie A IN STREAMING, LIVE E ON DEMAND

Secondo quanto riportato da Repubblica i due medici, Francesco Stagno (medicina sportiva del Cagliari) e Giorgio Galanti (medicina sportiva di Careggi), che tra il 2014 ed il 2017 hanno certificato l'idoneità sportiva del ragazzo, potrebbero essere rinviati a giudizio con l'accusa di omicidio colposo per 'aver violato i protocolli cardiologici per il giudizio di idoneità allo sport agonistico'.

Il decesso di Astori è avvenuto a causa di una "cardiomiopatia aritmogena diventricolare". Per la Procura la tempestiva individuazione della patologia avrebbe consentito di far interrompere al ragazzo l'attività agonistica per un certo periodo di tempo e fare prevenire l'insorgenza di aritmie maligne tramite la prescrizione di alcuni farmaci.

Chiudi