Monchi su Salah: "Non era il prezzo migliore ma dovevamo vendere"

Commenti()
Getty Images
Monchi ammette di aver dovuto accelerare la cessione di Salah: "So che non era il prezzo migliore ma dovevamo vendere. Dzeko? L'avremmo sostituito".

Il grande rimpianto del calciomercato 2017 della Roma si chiama Mohamed Salah. L'egiziano, infatti, è diventato subito decisivo a Liverpool dove ha già siglato qualcosa come 30 goal tra tutte le competizioni.

Il direttore sportivo giallorosso Monchi però, intervenuto su 'Sky Sport', adesso spiega i motivi della cessione di Salah: "Per lui siamo arrivati a 50 milioni con i bonus. In quel momento avevamo bisogno di vendere, era un'opzione importante. Poi c'è stato il casino di Neymar, Mbappè... che hanno fatto saltare un po' le cifre del mercato.

Anche io ora penso che quel prezzo non è il migliore ma in quel momento non potevamo fare altre operazioni. Inoltre, quando sono arrivato c'era già offerta del Liverpool di 22 milioni più tre  e il desiderio del giocatore era di andare lì".

Mohamed Salah Roma Lione Europa League

Quindi Monchi ammette: "I numeri sono importanti per la società. Ma per i tifosi contano i trofei e le vittorie. Questo è l'importante ed è quello che manca alla Roma. Dobbiamo gestire la società per trovare la strada giusta per farla vincere e per costruire una società che possa farlo in modo continuativo.

Capisco che i tifosi non vogliono parlare di plusvalenze, ma chiedo un po' di fiducia nel mio lavoro. Ora ho il vantaggio di conoscere il calcio italiano, la Roma e il club. Il mio obiettivo è provare a trovare la strada giusta per fare felici i tifosi ma c'è bisogno di tempo".

Infine Monchi spiega la mancata cessione di Dzeko al Chelsea: "Noi abbiamo iniziato a parlare con loro per Emerson ed hanno poi parlato loro di Edin. Hanno parlato col giocatore, non hanno trovato l'accordo con lui. Nessun club quando vende un giocatore è felice ma lo fa perché pensa che economicamente e sportivamente sia un'operazione giusta.

Avremmo comunque preso un altro giocatore altrettanto importante. Giroud era un'opzione. Il pagamento di Schick è a 5 anni. Anche noi dobbiamo spiegare meglio queste trattative sennò si parla di cifre così. Schick è un'operazione comoda per noi. E penso che è importante e diventerà fondamentale".

Prossimo articolo:
Calciomercato Milan, Piatek esordirà col Napoli: Bertolacci va 'incentivato' al Genoa
Prossimo articolo:
Calciomercato Juventus, Ndombele per ringiovanire il centrocampo
Prossimo articolo:
Rassegna stampa: le prime pagine sportive
Prossimo articolo:
Guida TV: dove vedere tutto il calcio in diretta TV e streaming
Prossimo articolo:
Classifica Scarpa d'Oro 2018/19
Chiudi