Milan-Napoli, le pagelle: Donnarumma reattivo, Koulibaly granitico

Commenti()
Getty Images
Nel Milan Donnarumma è una sicurezza, bene anche Musacchio e Romagnoli, ancora male Calhanoglu. Koulibaly torna alla grande, Mertens in ombra.

MILAN


Rivedi Milan-Napoli on demand su DAZN: attiva il mese gratuito

DONNARUMMA 7: Reattivo su Callejon in avvio, determinante nella ripresa con due-tre interventi salva-risultato. Conferma di essere tornato a livelli d’eccellenza.

CALABRIA 6,5: Corsa brillante, molto propositivo sull’out destro, si fa apprezzare anche in fase difensiva, tenendo a bada Insigne.

MUSACCHIO 6,5: L’argentino è in grande condizione, sovrasta fisicamente Mertens e tiene botta anche contro Milik.

ROMAGNOLI 6,5: Guida il reparto con sicurezza, è provvidenziale nel primo tempo con un salvataggio in extremis su Koulibaly.

RODRIGUEZ 5,5: Gara ai limiti della sufficienza per lo svizzero, ancora una volta però troppo timido però in fase offensiva.

KESSIE 5: L’ivoriano gira a vuoto, sbagliando spesso lettura di gioco nei momenti-clou dello sviluppo offensivo.

BAKAYOKO 6: Si piazza davanti alla difesa rendendo molto complicate le linee di passaggio azzurre verso Mertens. Rimedia con la sua fisicità a qualche sbavatura.

PAQUETA’ 6: Il brasiliano, alla prima a San Siro, si presenta con la gamba e l’attitudine giusta, con qualche lampo ma anche un paio di leggerezze. Cala alla distanza fino al cambio con Borini. (69’ BORINI 5,5: Gattuso gli chiede di dare una mano in fase di non possesso, si vede poco davanti)

SUSO 6: Primo tempo incoraggiante, meno la ripresa, ma dal sinistro dello spagnolo gira gran parte della manovra offensiva dei rossoneri,

CUTRONE 5,5: Generoso come sempre, si muove tanto cercando di dare riferimenti in attacco, ma viene chiuso nella morsa di Albiol e Koulibaly. (71’ PIATEK 6: Entra e prova subito a dare la zampata vincente, ma viene chiuso in uscita da Ospina. Non arrivano palloni giocabili in area nei minuti finali).

CALHANOGLU 5: L’impegno non manca, ma il turco vive un’altra serata in cui è più croce che delizia.


NAPOLI


OSPINA 6,5: Prova senza incertezze del colombiano, coraggioso e decisivo nell’uscita su Piatek nella ripresa.

MALCUIT 6,5: Il francese sembra ormai aver scalzato Hysaj nelle gerarchie di Ancelotti. Attento in fase difensiva, sempre pronto ad appoggiare l’azione quando il Napoli si distende in avanti.

ALBIOL 6: Cutrone si muove su tutto il fronte d’attacco e per arginarlo lo spagnolo fa ricorso all’esperienza e alla giusta cattiveria agonistica, rischiando però nella gestione dei falli.

KOULIBALY 7: Granitico, sicuro, praticamente insuperabile: il ritorno a San Siro di KK è da gigante.

MARIO RUI 5,5: Il meno positivo della linea difensiva di Ancelotti, soffre i tagli di Suso e le sovrapposizioni di Calabria. (72’ GHOULAM 6: Entra subito in partita, è come sempre estremamente preciso nel fraseggio)

CALLEJON 6: Costretto ad una prova di grande sacrificio per esigenze tattiche, non fa mancare però il suo apporto in fase offensiva.

FABIAN 6: Gara ordinata dello spagnolo, pur senza grossi acuti.

ZIELINSKI 6: Primo tempo sottotono, molto meglio nella ripresa, quando si rivela uno dei giocatori più pericolosi in zona-goal.

INSIGNE 5,5: Al rientro dalla squalifica, si ritrova esiliato sull’out sinistro in un ruolo che non sembra più gradire. (88’ OUNAS: sv)

MILIK 5,5: Si batte per cercare palloni giocabili ma la coppia Musacchio-Romagnoli gli concede poche occasioni.

MERTENS 5: Tra i più in ombra in casa Napoli, non sembra trovare mai la posizione tra le linee. (80’ VERDI: sv).

Chiudi