Milan, Gattuso su Biglia: "Ha un problema al polpaccio, sarà lunga"

Commenti()
Gennaro Gattuso dopo Milan-Genoa: "Bene per 25', poi ci siamo impauriti. Ma abbiamo aggiustato la classifica. Biglia ko? Una ricaduta al polpaccio".

6 punti in 4 giorni e il Milan vola al quarto posto. Un 2-1 sofferto, soffertissimo, contro un Genoa che ha addirittura sfiorato il colpaccio a San Siro. Una gara commentata alle televisioni da Gennaro Gattuso.

Attiva il tuo mese di prova gratuita e guarda le partite del Milan trasmesse da DAZN!

"Il 3-5-2? L'abbiamo provata solo ieri, abbiamo tanti infortunati - le parole del tecnico rossonero a 'Sky Sport' al termine del match - Dopo l'1-0 non siamo stati abbastanza bravi. Abbiamo commesso due-tre errori in costruzione e siamo andati un po' nel pallone. Ma tutto sommato è stata una partita ben giocata anche se potevamo far molto meglio".

In classifica il Milan sale al quarto posto con la Lazio: "Ora dobbiamo rimanerci. Ma per tutte le chiacchiere che ci sono state è qualcosa di importante. Non abbiamo fatto ancora nulla, abbiamo aggiustato la classifica, ora dobbiamo giocare maggiormente da squadra. Sono contento per i risultati, ma sul gioco dobbiamo fare dei passi in avanti".

"Come vivo le chiacchiere? Non le vivo, mi isolo - continua Gattuso - Non sarò né il primo né l'ultimo che ha dei momenti di difficoltà. Io non sono tranquillo: se la squadra facesse tutto in modo perfetto sarebbe diverso, ma qualche lacuna c'è ancora".

Gattuso fa i complimenti a Donnarumma: "Se non siamo andati in svantaggio è merito suo". E continua: "Per 25' abbiamo giocato bene, da tanto tempo non facevamo così. Poi ci siamo impauriti e sotto questo aspetto dobbiamo migliorare". Sul forfait di Biglia, invece: "Ha avuto una ricaduta al polpaccio, un problema che si porta dietro dall'anno scorso. Si sa che quando si parla del polpaccio è un po' lunga".

Si chiude con le dichiarazioni di ieri di Leonardo, che ha dichiarato che in estate molti giocatori, come Bonucci, volevano lasciare il Milan. E Gattuso non smentisce: "Tu che dici?". Ma niente nomi: "Si dice il peccato ma non il peccatore".

Chiudi