Notizie Risultati Live
Serie A

Milan, Gattuso blinda Higuain: "Non voglio sentir parlare di cessione"

14:14 CET 28/12/18
Gennaro Gattuso Bologna Milan Serie A
Gennaro Gattuso alla vigilia di Milan-SPAL: "Conti ha bisogno di minutaggio, Borini e Bertolacci ok, Caldara torna a febbraio, Biglia a fine gennaio".

Momento delicatissimo per il Milan, a secco di goal da 4 partite consecutive e senza vittorie da quasi un mese. Contro la SPAL, i rossoneri non hanno alternative alla vittoria per continuare la rincorsa Champions.

Guarda Milan-SPAL in esclusiva su DAZN: attiva qui il tuo mese gratuito

Gennaro Gattuso, in conferenza stampa, ha sottolineato la stagione di Gigio Donnarumma.

"E' positiva, per l'età che ha è un fenomeno, uno dei migliori portieri al mondo. Se non abbiamo perso a Frosinone è merito suo. A volte viene giudicato in modo errato e ce lo teniamo stretto perchè è un grandissimo portiere".

Gli ululati razzisti contro Koulibaly hanno segnato l'ultima giornata di campionato, Gattuso sta con Ancelotti.

"Mi trovo d'accordo con le parole dette da Carlo, è giusto fermarsi ma bisogna capire che sono quattro imbecilli, non tutto lo stadio. Succede da molto tempo, è un problema e bisogna portare rispetto. Siamo tutti uguali. Credo comunque che certi cori siano dettati anche dalla paura, Koulibaly è un armadio ed è fortissimo, io gli do anche quella lettura".

Gattuso spiega poi cosa manca a questo Milan per uscire dal momento di crisi.

"C'è tanta delusione, abbiamo sistemato la difesa ma non riusciamo a fare goal. L'arrabbiatura più grande è dettata da come abbiamo approcciato la partita a Frosinone, dobbiamo renderci conto di aver fatto un dicembre disastroso. Abbiamo perso l'occasione di finire a 31 punti e solo una volta negli ultimi anni il Milan ci è riuscito. Dai dirigenti sento fiducia, ma i giocatori non devono pensare al mio futuro. Sento troppo pessimismo".

Il problema dell'ultimo mese è sicuramente il reparto offensivo, l'allenatore rossonero chiede di più ai quattro davanti.

"I 4+2 stanno facendo un gran lavoro, ci perdiamo con i quattro davanti, ci manca qualità. Castillejo saltava sempre l'uomo, ha perso due palle ed è uscito dal campo. Serve più serenità. Voglio continuare a lavorare, in questi mesi non sono stato a pettinare le bambole. La testa non va al mio futuro, anche quando le cose andavano bene ero in discussione. Il mio futuro oggi è preparare la gara di domani, poi vedremo cosa succederà".

Il Milan deve ritrovare anche il miglior Higuain, che sta vivendo uno dei periodi più complicati della sua carriera.

"Voglio vedere il Pipita del secondo tempo, quello è Higuain, ha saltato l'uomo, ha avuto occasioni. Le palle-goal poi si possono sbagliare, ha pagato un po' il rigore sbagliato e il rosso contro la Juventus. Non voglio sentir parlare di cessione, riguarda la società, finchè resterà ne avremo bisogno. Quest'anno fa più dribbling, gli manca solo il goal. A volte sembra che non sta bene fisicamente ma non è così, sta bene. Sento che ogni giorno c'è qualcuno che lo chiama, ma da quello che ci siamo detti penso che resterà qua".

In vista della sfida contro la SPAL Gattuso chiede un altro atteggiamento ai suoi giocatori.

"Abbiamo il dovere di dare qualcosa in più, domani non mi interessa il gioco, voglio vedere una squadra con la bava alla bocca. Questa squadra ha avuto una brutta involuzione tecnico tattica, nelle prime sette gare giocavamo a memoria. Forse c'è anche un po' di confusione dettato dal fatto che abbiamo cambiato qualcosa nelle ultime settimane".

Gattuso spiega poi le condizioni di alcuni singoli facendo il punto sull'infermeria, fin troppo affollata in questa prima parte di stagione.

"Conti non ha i 90 minuti ma bisogna dargli minutaggio, bisogna metterlo in condizione di farlo giocare dal primo minuto, ad oggi non è pronto. Caldara torna a febbraio, Suso proverà e lo valuteremo per domani. Borini domani sarà dei nostri, Bertolacci è a disposizione. Biglia tornerà invece a fine gennaio, così come Strinic. Calhanoglu? Non sta giocando ai suoi livelli come Castillejo, Cutrone e Higuain. Finchè io sarò allenatore lui resterà qua, per me è un giocatore fondamentale. Nei momenti di difficoltà bisogna dar fiducia a tutti i giocatori, specialmente Calhanoglu".

L'obiettivo del Milan è ancora a portata di mano, Gattuso pensa al futuro.

"Il nostro Scudetto è il quarto posto ed è distante tre punti, dobbiamo pensare a quello che dobbiamo fare, non dobbiamo guardarci indietro. Parlo ogni giorno con Maldini e Leonardo, sento la loro vicinanza e la loro fiducia. Nessuno mi ha mai detto che ho un ultimatum, se la società sta in silenzio non ho problemi, non mi hanno mai detto che ho 5-6 giornate".