Notizie Risultati
Serie A

Milan e Inter, maglie troppo simili nel derby? Per l'arbitro era tutto ok

16:38 CET 21/11/16
Mbaye Niang Antonio Candreva Milan Inter
Hanno fatto discutere le maglie indossate da Milan e Inter nel derby. Per molti era difficile distinguere i giocatori.

Quello che ha visto domenica sera impegnate a San Siro il Milan e l’Inter è stato certamente un derby che ha regalato non poche emozioni. La compagine rossonera è stata ad un passo dal cogliere una vittoria importantissima, al 92’ però, ci ha pensato Perisic a trovare il goal che ha chiuso il match sul definitivo 2-2.

Tabella infortunati, squalificati e diffidati in Serie A

Questo derby però non verrà ricordato solamente per il rocambolesco pareggio, per il debutto di Pioli sulla panchina dell’Inter, per la doppietta di Suso o per la prima stracittadina di Montella, quello che resterà impresso a molti appassionati è la difficoltà nel riuscire a distinguere i giocatori in alcune fasi del match.

Sia il Milan che l’Inter infatti, si sono sfidate sfoggiando le loro tenute tradizionali, ma si è verificato un problema: la maglia sfoggiata da Bacca e compagni era completamente nera di spalle e questo la portava ad essere confusa con quella nerazzurra.

Secondo quanto spiegato da Sky, il regolamento prevede che le società debbano inviare il giovedì che precede una sfida, un PDF alla lega attraverso il quale si rende noto con quale kit di gara si vuole giocare. Tale documento, che prevede però solo la parte frontale della maglia, viene poi inviata all’arbitro che dà un primo ok. Un’ora prima del fischio d’inizio, il direttore di gara visione nuovamente i kit e dà il via libera definitivo, il tutto tenendo conto che comunque le due squadre devono portare con se anche dei kit alternativi.

Nel caso di Milan-Inter, l’arbitro non ha fatto alcuna obiezione e lo stesso vale per i giocatori scesi in campo e per i guardialinee che pure sarebbero dovuti essere i più svantaggiati da queste similitudini cromatiche. Questo vuol dire che dal basso, ovvero per chi era in campo, il problema non si è posto e che le vere difficoltà sono state solo per i tifosi sugli spalti e gli appassionati che hanno visto la gara in Tv.