Marsiglia, barriera anti-punizioni rasoterra: Sanson 'cavia'

Commenti()
Gettyimages
Contro il Nantes, il Marsiglia ha sperimentato la barriera per evitare sorprese con le punizioni rasoterra: Sanson accovacciato in difesa di Mandanda.

Marsiglia-Nantes non passerà di certo alla storia per motivi prettamente tecnici: per la cronaca la gara si è conclusa sul punteggio di 1-1, con il lampo di Thauvin che al 95' ha evitato la sconfitta agli uomini di Garcia, passati in svantaggio dopo soli 11 minuti con la rete di Dubois.

Eppure questa partita potrebbe fare da apripista per una nuova moda, quella della barriera utile per evitare di subire reti con calci di punizione rasoterra, abilità che era propria di maestri della specialità come Pirlo ad esempio.

Sul risultato di 0-1, il centrocampista Morgan Sanson ha assunto una posizione strana, quasi accovacciandosi dietro ai compagni di squadra in barriera, disposti invece in maniera del tutto normale:

Un gesto che ai più sembrerà bizzarro ma che ha impedito sorprese derivanti da una conclusione rasoterra, costringendo così l'avversario a calciare al di sopra del muro marsigliese. Chissà che anche nelle prossime gare non vada in scena di nuovo...

Chiudi