Marquinhos a Goal: "Il 6-1 di Barcellona è dimenticato"

Commenti()
GOAL
Nel suo ultimo editoriale, Marquinhos parla della sfida tra il suo PSG e il Real: "Siamo più maturi. Il ko del Camp Nou non è più nella nostra mente".

Cari tifosi e appassionati di calcio,

La Champions League torna per la seconda parte di stagione. Mercoledì 14 febbraio affronteremo il Real Madrid. E dunque questa è l'opportunità di parlare della mia esperienza nella competizione, di cos'è cambiato al PSG in questa stagione e come vedo l'impegno contro il Real.

Personalmente, sarà una grande sfida. Ogni volta che affrontiamo un avversario ai più alti livelli, dobbiamo essere concentrati al 150% e mettere in campo tutta l'energia che abbiamo. La nostra prestazione contro il Real Madrid dovrà essere perfetta. Per me è una gioia giocare contro i migliori attaccanti del mondo. Penso soltanto a giocare una grande partita e rendere felici i miri tifosi.

La nostra esperienza in Champions League è cambiata. Arriviamo da due partite molto diverse tra loro contro il Barcellona, nella scorsa stagione, dalle quali però abbiamo imparato molto. Quelle due sfide ci hanno aiutato a maturare e migliorare. Non solo io, ma l'intera squadra.

La 'remuntada' non è più nella nostra mente. Tutti abbiamo degli alti e bassi nelle nostre carriere. Quando vinciamo una partita, la dimentichiamo rapidamente perché di solito c'è un altro impegno da affrontare pochi giorni dopo. Ed è la stessa cosa quando si perde. Credo che si debba imparare a convivere con momenti del genere. Queste esperienze fanno parte del nostro sviluppo. Ma a quelle due partite non pensiamo più.

Andre Gomes Marquinhos PSG Barcelona Champions League R16 02142017

Dobbiamo concentrarci sul qui e ora. Siamo più pronti a questa sfida in questa stagione rispetto alla scorsa. Il PSG è entrato in una nuova dimensione e il nostro potenziale è addirittura superiore a quello degli scorsi anni. Abbiamo concluso il gruppo al primo posto, mentre lo scorso anno eravamo arrivati secondi. Anzi, nella scorsa stagione abbiamo vissuto cattivi momenti: abbiamo iniziato bene, ma qualche errore ci ha complicato la vita. Col Barcellona abbiamo giocato bene all'andata, poi tutti sanno com'è andata a finire al ritorno.

La Champions League è speciale. Quello che stiamo facendo in Ligue 1, in Europa non conta nulla. Per esempio, la Premier League è molto competitiva. Ci sono parecchie squadre ad alto livello, ma le inglesi non vincono spesso la Champions League. Il fatto che siamo primi in Ligue 1 non conterà molto contro il Real Madrid. Sarà una sfida tra due squadre forti di due campionati diversi, tutto qui.

Credo che offriremo una grande prestazione contro il Real Madrid. Sappiamo cosa fare e abbiamo vissuto situazioni che ci hanno cambiato. Ora sappiamo quali errori non possiamo commettere, se vogliamo passare il turno. Prima di tutto, dobbiamo mostrare lo stesso spirito delle partite casalinghe. Credere in noi stessi, mostrare fiducia, anche in partite così difficili. Dobbiamo giocare da squadra. Sappiamo quello che possiamo fare e qual è la nostra filosofia, e dobbiamo mostrarlo a Madrid.

Sappiamo tutti che ci aspetta un avversario fortissimo, che nelle ultime due stagioni ha alzato la Champions League. Siamo coscenti della loro qualità. Sarà una sfida tra due squadre che hanno le potenzialità di andare lontano in questa competizione.

Mi aspetto una partita molto difficile. Non vedo l'ora che arrivi, spero usciremo con un buon risultato e che la squadra offra una grande prestazione. Saremo pronti, anche se sappiamo che affronteremo un avversario pericoloso, una squadra esperta che ha già trionfato in Champions League. Potranno anche non essere nel loro momento migliore, ma abbiamo molto rispetto per loro. Ma quando si scende in campo, il rispetto viene messo da parte. Siamo 11 contro 11 e daremo il massimo per uscire vincitori.

L'articolo prosegue qui sotto

Tuttavia, stiamo preparando la gara e ne parliamo tutti i giorni. Parliamo dei nostri goal. Sappiamo che ogni giorno è diverso. Ci stiamo preparando fisicamente, ma anche mentalmente. Fa tutto parte del gioco. Credo che il nostro stato di forma sia buono. Ma sappiamo anche che dobbiamo migliorare. Abbiamo giocato buone partite, raccolto buoni risultati, il che ci ha dato parecchia fiducia. Abbiamo anche affrontato sfide difficili, ma la squadra ora sta attraversando un buon momento. Abbiamo l'ambizione e la motivazione di raggiungere i nostri obiettivi.

Sappiamo che c'è molto entusiasmo, che ci sono molte aspettative dopo gli acquisti di questa stagione. Abbiamo preso dei veri campioni, che sanno come vincere la Champions League. Ma non è semplice trionfare, il percorso è lungo. Non ci sono margini di errore. Siamo arrivati alle fasi decisive della stagione. Tutto ciò mi motiva, è qualcosa che può aiutarci ad avanzare. Siamo tutti coscienti della pressione, ma ci siamo già passati e dobbiamo trasformarla in qualcosa di positivo, non di negativo.

Marquinhos.

Prossimo articolo:
Coppa del Re: il Girona di Doumbia elimina l'Atletico Madrid
Prossimo articolo:
Supercoppa, Gattuso deluso dall'arbitraggio: "Certe cose mi danno fastidio"
Prossimo articolo:
Juventus, Allegri si gode Ronaldo: "Decisivo? Lo abbiamo preso per questo motivo"
Prossimo articolo:
Juventus-Milan, le pagelle: Chiellini muro, disastro Kessié
Prossimo articolo:
Ronaldo, primo trofeo con la Juventus: "Sono contento, ora lavoriamo per gli altri obiettivi"
Chiudi