Mancini rivela: "Ho rifiutato un triennale con l'Inter, mai sentito il Leicester"

Commenti()
Getty Images
Roberto Mancini nega di avere rifiutato il Leicester: "Non ho parlato con nessuno". E sull'Inter rivela: "Suning mi aveva offerto un triennale".

Presente ma anche passato nell'intervista rilasciata da Roberto Mancini a 'Deejay Football Club' durante la quale il tecnico ha negato di avere rifiutato il Leicester ed è tornato sul suo addio all'Inter la scorsa estate.

Extra Time - Kristyna, quando la sorella è... Schick

"Leicester? non ho parlato con nessuno. In Inghilterra si sono italianizzati, dopo quello che è stato fatto l'anno scorso da Ranieri è stata una decisione particolare, nonostante il momento negativo.

L'anno scorso è avvenuto il miracolo, quest'anno credo che tutto giri storto per il Leicester, esattamente come l'anno scorso era fortuna", sottolinea Mancini.

Che poi spiega: "Avrebbero dovuto tenere Ranieri che conosce i giocatori. Non credo neanche ai calciatori che giocano contro, non ne ho mai visto uno". 

Quindi Mancini ritorna sul suo addio all'Inter e rivela: "Semplicemente non c'erano le condizioni per andare avanti, c'erano situazioni che non andavano bene.

L'allenatore, una volta che inizia la stagione, deve metterci la faccia, e mancava ancora qualcosa perché le cose andassero bene. La nuova proprietà cinese mi aveva proposto un nuovo contratto triennale, era tutto pronto, ma l'ho rifiutato".

Infine il tecnico jesino si sofferma sul caso Bonucci-Allegri e ricorda la sua esperienza con Tevez al Manchester City: "Gli dissi di scaldarsi a bordocampo e non lo fece. Lo chiamai il giorno dopo, gli dissi di chiedere scusa. Non lo fece, andò in Argentina e tornò dopo due o tre mesi”.

 

Chiudi