Notizie Risultati Live
Calciomercato

Manchester City, Kompany saluta dopo 11 anni: "Sarò allenatore-giocatore dell'Anderlecht"

12:33 CEST 19/05/19
Vincent Kompany, Man City
Vincent Kompany, autore del goal decisivo per la vittoria della Premier, annuncia l'addio al Manchester City dopo undici anni: torna all'Anderlecht.

Un'altra bandiera viene ammainata anche in Inghilterra, dove Vincent Kompany ha annunciato il suo addio al Manchester City con un lungo messaggio su Facebook e tornerà all'Anderlecht come allenatore-giocatore.

Con DAZN segui la Serie A IN STREAMING, LIVE E ON DEMAND

Il difensore belga, che ha compiuto 33 anni meno di un mese fa, ha deciso di chiudere la sua lunga esperienza al City con cui ha giocato dal 2008 fino ad oggi e di cui era capitano.

"Ho immaginato questo momento innumerevoli volte e ancora non mi sembra reale. Il Manchester City mi ha dato tutto e ho provato a restituire il più possibile. Ora per me è giunto il momento di andare".

Kompany lascia il Manchester City dopo undici stagioni in cui ha vinto quasi tutto: 4 Premier League, 4 Coppe di Lega, 2 FA Cup e 2 Community Shield. Il grande rimpianto ovviamente si chiama Champions League.

L'ultimo ricordo indelebile di Kompany nei tifosi del Manchester City resterà il bellissimo goal siglato dal difensore belga contro il Leicester, goal peraltro decisivo per la vittoria della Premier League.

Kompany quindi rivolge i suoi ringraziamenti proprio ai tifosi del City, senza dimenticare il patron Mansour e Pep Guardiola.

"Sono grato a tutti coloro che mi hanno supportato in un viaggio così speciale. Mansour ha cambiato la mia vita e quella di tutti i tifosi del Manchester City. Non dimenticherò come tutti i tifosi mi siano rimasti fedeli nei momenti belli e in quelli brutti. Una parola speciale anche per Pep: sei eccezionale. Mi hai aiutato tra tante difficoltà e mi hai fatto diventare sempre più forte".

Il difensore belga però non smetterà di giocare, ma allo stesso tempo inizierà la carriera da allenatore in patria.

"Per i prossimi tre anni assumerò l'incarico di allenatore-giocatore dell'Anderlecht. E' la decisione più passionale e razionale che abbia mai preso. Il signor Coucke mi ha promesso tempo, budget, struttura e personale. Guardiola ha riacceso il mio amore per il gioco. Il Manchester City gioca il calcio che voglio insegnare e vedere".

Secondo quanto appreso da Goal, il Manchester City avrebbe offerto a Kompany la possibilità di entrare nello staff di Guardiola o di continuare a giocare nel New York City ma il belga ha preferito tornare all'Anderlecht dove, come detto, potrà imparare il mestiere da allenatore e sentirsi ancora un calciatore per i prossimi tre anni.

Kompany d'altronde era cresciuto nelle giovanili dell'Anderlecht e aveva giocato in prima squadra a Bruxelles dal 2003 al 2006, prima di trasferirsi all'Amburgo.