Manchester City eliminato in League Cup: West Ham ancora sugli scudi

Getty

Dopo il Manchester United, il West Ham manda fuori anche il Manchester City. Entrambe le squadre cittadine, infatti, sono state eliminate dalla League Cup 2021/2022. Hammers sugli scudi in questa edizione del torneo e reali sogni di vittoria dello stesso dopo la qualificazione ai quarti di finale.

Manchester City eliminato ai rigori, con errore unico da parte di Foden. Dopo una gara deludente, terminata 0-0 nei tempi regolamentari, le due squadre si sono confrontate dal dischetto: nove penalty su dieci segnati, solamente il talentino britannico ha fatto i conti con un tiro fuori.

Il k.o del Manchester City agli ottavi è sicuramente una sorpresa più grande rispetto alla precedente eliminazione del Manchester United, considerando come gli uomini di Guardiola erano oramai abbonati al successo nella League Cup: nelle ultime otto edizioni, sei sono andate ai Citizens.

Insieme al West Ham si sono qualificate ai quarti della League Cup altri grandi squadre pronte a dare battaglia per il successo: avanti Chelsea, Leicester, Tottenham, Liverpool, ma anche la sorpresa Brentford che si conferma in coppa dopo l'ottimo avvio di Premier, l'Arsenal e il Sunderland.

Con le due squadre di Manchester eliminate, la città non avrà una rappresentante ad alzare il trofeo per la prima volta dal 2014/2015, quando a farlo fu il Chelsea (nel Derby londinese venne battuto il Tottenham grazie alle reti di Terry e Diego Costa).

Guardiola aveva scelto Steffen come prima punta nella gara contro il West Ham, lasciando inizialmente in panchina Gabriel Jesus, alla pari di Rodri, Dias, Laporte, Grealish e lo stesso Foden. Gli ingressi a gara in corso non sono bastati per avere la meglio sui londinesi, nè nei tempi regolamentari, nè dagli undici metri.

Primi due mesi di stagione comunque positivi per il Manchester City, anche se non al top per l'eliminazione dalla League Cup, la sconfitta di Champions League contro il PSG e una Premier League 'normale', con un k.o e venti punti nelle prime nove partite del campionato. I CItizens rimangono però favoriti in patria e ancora una volta decisi a spezzare la maledizione europea dopo un decennio di delusioni.