Notizie Risultati Live
Serie A

Maksimovic si riprende il Napoli: titolare anche contro il Torino

09:21 CEST 23/09/18
Nikola Maksimovic Napoli
Maksimovic, considerato un esubero ad inizio stagione, sta a poco a poco scalando le gerarchie e conquistando la fiducia di Ancelotti.

Il lunch-match in programma alle ore 12.30 allo stadio Olimpico tra Torino e Napoli rappresenterà sicuramente una partita particolare per il difensore serbo Nikola Maksimovic, passato due anni fa proprio dai granata agli azzurri per la considerevole cifra di 25 milioni di euro.

Con DAZN avrai oltre 100 match di Serie A in esclusiva e tutta la Serie B IN STREAMING, LIVE E ON DEMAND

Dopo le deludenti stagioni 2016-2017 (10 presenze complessive) e 2017-2018 (passata per metà in panchina ed in tribuna in Campania e per metà in Russia con la maglia dello Spartak Mosca), il classe 1991 è tornato in estate in ritiro a Dimaro con poche velleità di ritagliarsi un ruolo importante nella nuova squadra guidata da Carlo Ancelotti.

Sarri infatti nel corso della sua esperienza sotto il Vesuvio lo ha palesemente bocciato a causa della sua incapacità di adattarsi alla perfezione ai movimenti che è necessario fare nella difesa a 4 piuttosto che in quella a 3.

Ed invece l'ex Milan e Real Madrid ha mostrato sin dall'inizio di apprezzare l'impegno e l'attenzione in allenamento del ragazzo, schierandolo come titolare nell'amichevole estiva contro il Borussia Dortmund ed elogiandolo apertamente sia durante il ritiro che a stagione iniziata: "E' un difensore eccellente e completo che può giocare sia sul centro destra che sul centro sinistra".

Elogi che dopo le tre panchine consecutive in campionato e quella in Champions League contro la Stella Rossa si sono trasformati in una maglia da titolare al posto di Albiol contro la Fiorentina e lo porteranno ad essere titolare anche contro Belotti e compagni.

Un'altra prova positiva gli potrà consentire di entrare definitivamente nella girandola che Ancelotti dovrà necessariamente mettere in atto per cercare di arrivare in fondo a tutte le competizioni stagionali (Champions League, campionato e Coppa Italia) e di togliersi di dosso l'etichetta di giocatore strapagato ma poco utile alla causa.