L'incredibile notte della Germania, via dallo stadio all'alba: in forse l'amichevole contro l'Olanda

La Germania è atterrata a Francoforte poco prima delle 10 di sabato dopo aver trascorso la notte allo 'Stade de France'. In forse l'amichevole contro l'Olanda.

E' stata una notte di paura quella vissuta da tutta la Francia. Paura vissuta però anche dai giocatori della Germania che, al termine dell'amichevole giocata contro i transalpini, sono stati costretti a dormire all'interno dello 'Stade de France' per motivi di sicurezza.

Mentre i calciatori francesi hanno infatti lasciato l'impianto intorno alle 2 di notte, i tedeschi sono usciti solo poco dopo le 7 per raggiungere immediatamente l'aereoporto Charles de Gaulle da dove la Germania è partita alla volta di Francoforte.

La Nazionale teutonica, il cui rientro in patria era inizialmente previsto per la mattinata di domenica con destinazione Hannover, è atterrata sabato alle 9:52 con il volo Lufthansa LH 343.

L'articolo prosegue qui sotto

Chiaro quindi che, adesso, anche l'amichevole in programma martedì prossimo contro l'Olanda sia in forte dubbio. A tal proposito infatti il presidente della DFB,  Rainer Koch ha dichiarato: "Non prenderemo decisioni affrettate. Parleremo con i giocatori e capiremo come metabolizzano l’accaduto. Personalmente vorrei non annullare l’amichevole per non darla vinta agli attentatori. La decisione finale comunque verrà presa domenica".

A raccontare quanto successo nella notte più difficile è però stato Oliver Bierhoff, team manager della Germania ormai da anni "Ci è stato assicurato che nello stadio fossero state adottate tutte le misure di sicurezza possibili. C'era grande insicurezza, grande paura, e c'è un umore strano nello spogliatoio. I giocatori erano sotto choc, molti hanno preso il cellulare per informarsi o per chiamare parenti e amici".

Peraltro già nella mattina di venerdì i giocatori tedeschi erano stati fatti evacuare dall'albergo che li ospitava a Parigi per un allarme bomba poi rivelatosi falso. Solo un sinistro preludio a quanto sarebbe purtroppo realmente successo qualche ora dopo.

Chiudi