Le fideiussioni per Biglia e Bonucci? Banca Ifis: "Sappiamo fare le nostre valutazioni"

Ultimo aggiornamento
Commenti()
L'amministratore delegato di Banca Ifis, Giovanni Bossi, spiega: "Le fideiussioni al Milan? Era un'operazione che ci stava perfettamente".

Quelle legate a Lucas Biglia e Leonardo Bonucci, sono state due tra le operazioni più importanti in assoluto messe a segno dal Milan nel corso della sua faraonica campagna acquisti estiva.

Il club rossonero ha scelto l’ex capitano della Lazio e l’ex centrale della Juventus per andare ad rafforzare ulteriormente i suoi reparti di centrocampo e difesa e per consentire a Vincenzo Montella di poter avere in rosa due giocatori che, oltre a portare in dote una grande dose d’esperienza, garantissero un maggior spessore tecnico al suo undici titolare.

Come noto, le operazioni che portarono alla chiusura dagli acquisti dei due giocatori, subirono dei rallentamenti a causa dei problemi riscontrati dal Milan nel presentare le fideiussioni bancarie.

Biglia Bonucci Milan Craiova

Alcuni istituti, si erano opposte al loro rilascio a causa della mancanza di adeguate garanzie, il tutto però si sbloccò grazie a Ifis, banca controllata con poco più del 50% da Sebastien Egon Furstenberg, figlio del principe Tassilo von Fürstenberg e di Clara Agnelli.

A spiegare cosa portò Ifis a questo tipo di operazione è stato l’amministratore delegato dell’istituto, Giovanni Bossi a Business Insider: “Perché noi abbiamo rilasciato al Milan le fideiussioni legate agli acquisti di Leonardo Bonucci e Lucas Biglia e altre banche no? Beh, dovete domandarlo agli altri istituti di credito”.

Bossi ha spiegato come è nata l’operazione: “In una operazione di questo tipo è centrale prendere rischi in maniera consapevole e noi lo abbiamo fatto. Abbiamo guardato tutta l’operazione e abbiamo deciso che ci stava perfettamente. Per noi si è trattato di normale amministrazione. Abbiamo chiuso in tempi stretti, visto che in questi casi la rapidità premia. Non è stata una cifra enorme e in ogni caso noi da quasi venti anni lavoriamo con le squadre di calcio di serie A e B. E’ un filone di cui ci siamo sempre occupati: ogni anni finanziamo e/o garantiamo fino a sei club e non per 500 mila euro ma per importi ben maggiori. Sappiamo fare le nostre valutazioni e lo abbiamo fatto anche nel caso di Bonucci e Biglia. Il nostro costo del rischio di credito è tra i più bassi del sistema mentre la qualità del credito è tra le più alte”.

 

Prossimo articolo:
Guida TV: dove vedere tutto il calcio in diretta TV e streaming
Prossimo articolo:
Calendario Nations League: dove vedere le partite in tv e streaming
Prossimo articolo:
L'ascesa di Jedvaj: da meteora della Roma a giustiziere della Spagna
Prossimo articolo:
Tabella infortunati, squalificati e diffidati in Serie A
Prossimo articolo:
Classifica marcatori Nations League
Chiudi