Lazio, Luis Alberto non ingrana: panchina e contestazione

Commenti()
Getty Images
Inizio di stagione difficile per Luis Alberto, tenuto ancora in panchina da Simone Inzaghi nell'ultimo successo della Lazio.

La doppia sconfitta tra derby ed Europa League aveva fatto scattare il campanello d'allarme, ma la Lazio ha saputo reagire nell'ultimo turno battendo un avversario difficile come la Fiorentina: mancano però all'appello negli ingranaggi della rosa alcuni elementi chiave come Luis Alberto, tenuto ancora in panchina da Simone Inzaghi.

Con DAZN avrai oltre 100 match di Serie A in esclusiva e tutta la Serie B IN STREAMING, LIVE E ON DEMAND

L'articolo prosegue qui sotto

Soltanto due reti tra campionato e coppa in un avvio di stagione complicato per lo spagnolo, ancora lontano dalla migliore condizione atletica e autore fin qui di prestazioni molto al di sotto del proprio potenziale.

Inzaghi ha preferito schierare un altro attaccante come Caicedo a supporto di Immobile: una scelta già fatta contro il Genoa e rivelatasi poi giusta, mentre contro l'Eintracht Francoforte gli era stato preferito Correa dal primo minuto. Nel frattempo fuori dal campo scattava la pesante contestazione della tifoseria biancoceleste.

"Milinkovic-Savic e Luis Alberto finti talenti solo a caccia di contanti", recitava lo striscione esposto dagli ultras biancocelesti, che puntano il dito contro il basso rendimento dei due giocatori, veri elementi chiave della squadra fino a pochi mesi fa. La Lazio intanto ha ripreso a marciare senza di loro, ma la sensazione è che Inzaghi dovrà fare di tutto per recuperarli soprattutto dal punto di vista mentale.

Chiudi