La Juventus un rullo in casa e in Coppa, il Milan però sa come diventare un incubo

Commenti()
Getty Images
Juventus e Milan si affronteranno questa sera nei quarti di finale di Coppa Italia. Due vittorie rossonere sin qui in stagione.

Sono due tra le squadre più gloriose della storia del calcio italiano e mondiale e sono pronte a sfidarsi nuovamente in un confronto che questa volta mette in palio l’accesso alle semifinali di Coppa Italia.

La Juventus ospiterà nel fortino dello Stadium il Milan in un match che rappresenta non soltanto un’insidia non da poco ma anche un’ostacolo sulla strada che porta all’ennesimo record da inseguire e raggiungere. La compagine bianconera infatti, ha vinto le ultime due edizioni del torneo e punta a diventare la prima squadra in assoluto a sollevare la Coppa Italia per tre volte consecutive.

Extra Time - Con Ocampos il Milan corteggia anche l'esplosiva Majo

La Vecchia Signora, che già è primatista assoluta in fatto di trionfi con 11 Coppe messe in bacheca e che insegue tra l’altro anche un altro record (quello dei sei Scudetti di fila), si presenterà all’appuntamento ovviamente da grande favorita, quando c’è però da affrontare i bianconeri il Milan spesso si esalta.

La storia racconta che i meneghini spesso sono riuscito a ‘regalare’ cocenti delusioni alla Juventus. Quella più dolorosa è certamente quella legata alla storica finale di Champions League del 2003 andata in scena nella magica cornice dell’Old Trafford. Mai due squadre si erano affrontate nell’atto finale della massima competizione europea per club e allora a spuntarla furono proprio i rossoneri dopo una drammatica lotteria dei rigori.

Certo quello era un altro Milan, poteva contare su campioni di caratura mondiale come Maldini, Nesta, Pirlo, Seedorf, Rui Costa e Shevchenko, solo per citarne alcuni, la storia recente però insegna che, anche se meno talentuosa rispetto a quell’epoca d’oro, la compagine meneghina sa comunque come far male ai campioni d’Italia.

Il Milan di Montella è già riuscito a battere la Juve in campionato per 1-0 a San Siro grazie ad una rete di Locatelli ma soprattutto e riuscito a ripetere l’impresa a Doha assicurandosi, ai rigori, quello che potrebbe essere l’ultimo trofeo del mitico ciclo Berlusconi: la Supercoppa Italiana.

D’altro canto, c’è da dire, che quando si gioca allo Stadium la Juventus diventa un rullo compressore. I campioni d’Italia infatti, hanno vinto in 13 delle 15 partite giocate in stagione davanti ai propri tifosi e a questo numero già eloquente ne va aggiunto un altro ancor più mostruoso: i bianconeri non perdono a Torino dall’agosto del 2015, ovvero da un 1-0 subito contro l’Udinese ormai 39 gare fa. Tutto questo, senza dimenticare che il ruolino di marcia della Juve in Coppa Italia con Allegri alla guida è altrettanto da urlo (9 successi su 11 partite).

I numeri dicono che la Juventus si presenterà alla super sfida da favorita quindi, la storia e i fatti recenti dicono però che in campo gli 11 punti di differenza che ci sono ora tra le due squadra in campionato potrebbero vedersi meno di quanto sia lecito aspettarsi.

 

Chiudi