La FIGC su Ventura: "Mai in discussione, in disaccordo però sulla questione giovani"

Commenti()
Uva, Dg della FIGC: "La posizione di Ventura non è stata mai in discussione. A differenza sua penso però che ci sono tanti giovani interessanti".

Dopo la vittoria in Albania l'Italia attende di conoscere il suo avversario nel play-off di qualificazione al mondiale di Russia 2018. Ai microfoni di 'Tutti convocati' ha parlato il direttore generale della FIGC Michele Uva.

La posizione di Ventura non è stata mai in discussione. "Non c'è alcun problema con Ventura, la sua posizione non è mai stata in discussione. La federazione ha intrapreso un certo tipo di percorso del quale è soddisfatta. Ci sono delle cose da migliorare, ma di sicuro in questo momento non passa per la testa di nessuno un cambiamento di allenatore, sarebbe una cosa alquanto deleteria".

L'articolo prosegue qui sotto

Vengono allontanate le voci di chi vuole un gruppetto di giocatori contro l'attuale Ct. "Dall'esterno qualcuno vede una sorta di spaccatura tra allenatore e senatori, ma dall'interno non c'è assolutamente questa sensazione. Ho visto anzi un passo in avanti dal punto di vista dell'atteggiamento dopo la prova opaca di Torino contro la Macedonia. Adesso bisogna solamente essere compatti per qualificarsi per il mondiale".

Infine Uva però sottolinea come, a differenza di quello che pensa il Ct, secondo il suo punto di vista ci siano molti giovani di prospettiva in Italia. "Secondo me il calcio italiano non è povero in quanto a talenti, è solo necessario un ricambio generazionale. Rispetto il punto di vista del Ct se lo pensa ma non lo condivido. Ci sono stati probabilmente otto anni di buco, ma in giro di talenti ne vedo abbastanza.

Dai 23 anni in giù ci sono tanti ragazzi che hanno già sia esperienza che talento. Bisogna solamente avere una certa metodologia: l'ha iniziata Sacchi, l'ha continuata Conte e adesso tocca a Ventura. Bisogna solo avere pazienza, ma sono fiducioso per il futuro".

Chiudi