Juventus, Mandzukic senza freni: 9 goal nell'ultimo mese e mezzo

Commenti()
Getty Images
Dopo aver trascorso senza segnare le prime settimane stagionali, Mario Mandzukic si è sbloccato a ottobre e ora non si ferma più. L'ultima rete ha chiuso i giochi a Siviglia.

Difficile, soltanto pochi mesi fa, pensare a una stagione del genere da parte di Mario Mandzukic. A fine luglio la Juventus annunciava ufficialmente l'acquisto di Gonzalo Higuain, e la sentenza era unanime: come affronterà il centravantone croato la prospettiva di scalare a riserva, seppur di un collega di lusso?

Mandzukic l'ha presa non bene, ma benissimo. Non ha fatto una piega, si è messo a lavorare, non ha mai polemizzato e ora i risultati lo stanno premiando: ancora senza Dybala e privo anche dello stesso Higuain, a Siviglia Allegri ha avuto nuovamente risposte eccellenti dall'ex Bayern Monaco e Atletico Madrid, autore nel finale dell'1-3 che ha chiuso definitivamente i conti.

Siviglia-Juventus 1-3, la cronaca

Prosegue, in questo modo, un periodo dorato per Mandzukic: dopo aver trascorso le prime settimane stagionali senza trovare la via della porta, il croato si è sbloccato il 6 ottobre con una tripletta al Kosovo e da lì non si è più fermato. Mettendo a segno la bellezza di 9 reti nell'ultimo mese e mezzo, se si contano le gare disputate con la Juventus e con la propria nazionale.

Ammonito al 25' nell'unico fallo commesso, al Sanchez-Pizjuan Mandzukic si è più che altro speso per la squadra: ha vinto il 42,9% dei duelli palla a terra e il 50% di quelli aerei, spazzando via due palloni pericolosi dall'interno dell'area di Buffon in occasione di altrettanti piazzati messi in mezzo dai giocatori del Siviglia.

Quanto al gioco offensivo, il croato non ha probabilmente messo in mostra la miglior prestazione della stagione. Però ha lasciato nuovamente il segno, come deve fare un attaccante. Il cinismo è stato il suo pregio più evidente: se durante i 90 minuti ha toccato solo 18 palloni senza mai riuscire a calciare verso i pali di Sergio Rico, ha lasciato lo stesso lo zampino nel quarto minuto di recupero nell'unica conclusione in porta.

Insomma, Mandzukic può essere definitivamente considerato un giocatore rinato. I guai fisici di Dybala prima e Higuain poi gli stanno consentendo di ritagliarsi sempre più spazio e il resto ce lo sta mettendo lui: col sudore quotidiano, con la voglia di sfidare la concorrenza, con quella caparbietà che gli è tipica. E che ha convinto la Juventus a non disfarsi di lui, pur con un Pipita in più in rosa.

 

Chiudi