Juventus, Bonucci ammette: "In futuro voglio fare l'allenatore"

Commenti()
Getty
Leonardo Bonucci parla dopo il pareggio contro l'Udinese, non solo del suo futuro: "Sono sempre arrabbiato quando non si vince, è più forte di me".

Dopo 38 partite è arrivato un altro pareggio in campionato per la Juventus, questo pomeriggio contro l'Udinese. L'ultimo segno X della Vecchia Signora risale al febbraio 2016, 0-0 contro il Bologna. Oggi il protagonista per i bianconeri è stato Bonucci, prima imperfetto sulla marcatura di Zapata, poi spietato a trovare il goal del pareggio. 

Udinese-Juventus 1-1: Bonucci salva Madama

Ai microfoni di 'Sky Sport', nel post-partita, Leonardo Bonucci ha commentato così il suo errore: "Dovevo sicuramente anticipare prima Duvan Zapata a centrocampo, poi una volta che è partito è stato difficile contrastarlo, anche perché è molto forte fisicamente e bisogna fargli i complimenti. Poi però ho realizzato un goal e salvatone un altro, credo che fare più di così fosse difficile".

Il difensore della Juventus ha parlato anche del suo futuro: "Da grande voglio fare l'allenatore e spero di avere gli stessi "problemi" che ha ora Allegri con noi, dovendo scegliere tra cinque difensori tutti forti ogni settimana".

 

Guardare sempre avanti e al lato positivo delle cose. Un punto guadagnato. Un altro gol importante. #finoallafine

Un post condiviso da Leonardo Bonucci (@bonuccileo19) in data:

Chiudendo, scuro in volto, Bonucci sipiega il motivo del suo sentimento: "Sono arrabbiato perché voglio vincere sempre, è più forte di me. Oggi abbiamo pareggiato e guadagnato un punto sulla Roma, ma non sono contento lo stesso. So che non abbiamo dato il 100% in alcune occasioni".

Questo di Bonucci è il suo secondo goal in trasferta in Serie A (il 1° contro il Palermo, aprile 2012) sui 13 realizzati in totale, perché di solito timbra sempre allo Juventus Stadium. In questa stagione aveva però già segnato sul campo del Siviglia in Champions League.

 

Chiudi