Notizie Risultati Live
Serie A

Juventus anti-Torino: ancora 4-3-1-2, più Benatia che Rugani

15:19 CET 10/12/16
Juventus celebrating Juventus Pescara Serie A
Confermato il modulo visto contro l'Atalanta, con Pjanic trequartista: l'unica modifica dovrebbe essere l'entrata di Benatia. Davanti Higuain e Mandzukic.

“Un derby non si gioca, si vince”. Così dicono i saggi, frase che calza a pennello per l'impegno di domani pomeriggio che vedrà protagonista la stracittadina della Mole. Da una parte il Torino, reduce da un buon impatto con il nuovo ciclo aperto da Sinisa Mihajlovic. Dall'altra la Juventus, chiamata a consolidare il primato in classifica, fresca di doppia vittoria su Atalanta e Dinamo Zagabria.

In questo momento, attendendo tempi migliori dal punto di vista della massima espressione tecnico e tattica, Massimiliano Allegri sembrerebbe aver trovato i giusti equilibri con il 4-3-1-2. Sistema di gioco che ha ben figurato sia anti Dea sia in Champions League, regalando alla Vecchia Signora due successi dopo la disfatta di Genova.

Allegri: "Derby gara diversa dalle altre"

Ecco perché, pur essendo il 3-5-2 un modulo caro alla storia recente zebrata, in atto pare esserci un'evoluzione. Nessuna sorpresa, il tecnico toscano con il trequartista ha accarezzato concretamente il trionfo nell'Europa che conta, chiaro segnale di continuità con idee maturate e sperimentate non certamente ieri.

Affrontando la Dinamo Zagabria, optando per un turnover ragionato, Allegri ha risparmiato diverse forza fresche in vista del derby sabaudo. Impegno fondamentale, vietato prendersi pause immotivate. E se i ko bianconeri sono tutti maturati dopo la Champions League, Madama dovrà provare a cambiare un ruolino di marcia pericoloso.

Dopo il recente turno di riposo, Buffon tornerà a difendere i pali della Vecchia Signora. Probabile linea a quattro difensiva, come spiegato alla vigilia dal condottiero zebrato, formata da Lichtsteiner, Benatia (favorito su Rugani), Chiellini ed Alex Sandro.

In cabina regia, uno che queste partite le conosce bene fin dai tempi delle giovanili, agirà Marchisio. Sturaro il candidato forte per dare sostanza al centrocampo e Khedira a comporre il quadro.

Torino-Juventus 2-1: dove sono ora quei granata?

Ad operare dietro le punte, in forte crescita nelle ultime apparizioni, ecco Pjanic. In attacco, invece, spazio al tandem formato da Higuain e Mandzukic.

Capitolo infermeria: Dybala, dopo i 12' di mercoledì sera, partirà dalla panchina per poi dare il suo contributo a gara in corso. Barzagli, sorprendentemente, sta bruciando le tappe, e già contro la Roma, infatti, dovrebbe riuscire a strappare la convocazione.