Juventus, Allegri sul futuro: "Squadra difficile da migliorare come giocatori"

Commenti()
Allegri: "Futuro? Non ci ho ancora pensato, prima c'è da pensare a Cardiff. La squadra è ad un livello alto difficile da migliorare come giocatori".

Ha vinto al Milan, scelto da Galliani e Berlusconi per rilanciare i rossoneri in ottica Scudetto. E' arrivato nel post Conte, tra, diciamo la verità, diversi mugugni dei tifosi bianconeri. Alla fine Max Allegri ha fatto ricredere tutti, dominando in lungo e in largo: tre Scudetti, tre Coppa Italia, una Supercoppa Italiana, due finali di Champions League. Una delle quali ancora da giocare.

E' un Allegri che sorride dopo la vittoria per 3-0 sul Crotone e il matematico successo del campionato di Serie A 2016/2017, il suo quarto Scudetto in carriera. Il tecnico della Juventus è consapevole che per i prossimi giorni sarà grande festa e riposo, prima di tornare concentrati per il sogno dei sogni, la finale di Champions contro il Real Madrid.

Decisivo per lo Scudetto di quest'anno il cambio di modulo dopo la sconfitta di Firenze. " Avevo provato il 4-2-3-1 in allenamento due-tre mesi prima, ma dopo la partita di Firenze è stata un questione relativa alla squadra. Eravamo arrivati in cima col precedente sistema di gioco, non c'era altra possibilità di miglioramento e quindi ho dovuto cambiare. L'ho deciso in due giorni . Successivamente abbiamo fatto giocare anche elementi diversi sulla fascia, e siamo riusciti a migliorare giocando coi due di centrocampo ".

Essere nuovamente al primo posto in Italia non è stato facile. Elogi per Roma e Napoli . " Higuain è uno dei tre migliori al mondo, lo abbiamo preso per essere decisivo. Giocare 57, 51 e 57 partite non è stato facile, arrivare in fondo nuovamente è stata una cosa straordinaria.

Sento spesso dire che vinciamo perchè nettamente più forti, non è assolutamente vero, anche perchè Roma e Napoli faranno veramente tanti punti. Loro ci hanno spinto a fare bene in campionato ed a tenere alta la tensione in Champions, sotto questo punto di vista dobbiamo anche ringraziarli ".

Per vincere la Champions invece si dovrà battere il Real Madrid . " Adesso c'è una consapevolezza diversa nell'ambiente e nella squadra. Faremo una grande partita a Cardiff ne sono convinto, così come l'abbiamo fatta a Berlino. Speriamo di poter arrivare all'obiettivo più importante dopo aver conquistato prima forse quello meno importante ed adesso lo Scudetto di oggi ".

Per quanto riguarda il suo futuro niente è ancora certo. " Futuro? Bisogna incontrarci, per adesso abbiamo altro a cui pensare. La Juventus è arrivata ad un livello talmente alto, tranne una partita abbiamo ogiocato sempre per vincere in questi tre anni. Dovremo vedere dove la squadra si può e deve migliorare, circostanza non facile. Una cosa è quando devi cambiare 7-8 giocatori, un'altra quando devi cambiarne 1-2 ".

Prossimo articolo:
Calciomercato Inter, De Paul a giugno: accordo di massima con l'Udinese
Prossimo articolo:
Torino-Inter: numeri e curiosità
Prossimo articolo:
Parma-SPAL: numeri e curiosità
Prossimo articolo:
Bologna-Frosinone: numeri e curiosità
Prossimo articolo:
Atalanta-Roma: numeri e curiosità
Chiudi