Jorginho, tempi difficili al Chelsea: sostituito ancora una volta

Commenti (0)
Jorginho Chelsea 2020-21
Getty Images
Il centrocampista azzurro ha giocato soltanto 4 spezzoni di gara nelle ultime 10 di Premier League. Contro il Fulham ha deluso ancora.

Sono tempi duri per Jorginho. Protagonista in nazionale con Roberto Mancini, che ne ha subito fatto un perno, ma messo da parte nel Chelsea di Frank Lampard, dove da tempo non è più centrale. Dopo aver perso anche il ruolo di rigorista, ceduto al nuovo arrivato Timo Werner.

Nelle ultime 10 partite, l'ex centrocampista del Napoli è rimasto in panchina per ben 6 volte senza mai entrare. E nelle quattro presenze non è mai riuscito a giocare gli interi novanta minuti. Contro il Fulham Lampard lo ha nuovamente lanciato dandogli fiducia, salvo toglierlo dal campo dopo 65 minuti di gioco. Poco soddisfatto.

Già da fine ottobre il classe 1991, portato a Londra da Maurizio Sarri, è finito per essere considerato una riserva da Lampard. Ha trovato spazio in Champions League, in un girone che era già deciso sin dalle prime battute, ma mai in Premier League con continuità. Ha giocato 90 minuti soltanto tre volte, dalla quarta alla sesta giornata.

Nonostante il poco spazio concessogli, Lampard aveva confermato che Jorginho poteva ancora recitare un ruolo nell'assetto dei Blues. A livello di minutaggio l'italiano è ancora tra i primi dieci in stagione, ma sembra che il suo posto sia in discesa.

In molti in Inghilterra, tifosi e non solo, sostengono che per lui non ci debba essere più spazio nell'undici titolare del Chelsea. In un momento complicato per il club londinese (4 sconfitte nelle ultime 6 prima della vittoria col Fulham), Lampard si è affidato a lui sperando di trovare la soluzione. Risultato esiguo. E il futuro non sembra roseo.

Chiudi