Italia, Tavecchio ha le idee chiare per il dopo-Conte: Allegri, Spalletti, Capello o Lippi

Commenti()
Se Conte dirà addio all'Italia, Tavecchio ha le idee chiare per la successione: uno tra Allegri, Spalletti, Capello e Lippi.

E' stato chiaro il presidente della FIGC Carlo Tavecchio. L'obiettivo della federazione è quello di rinnovare il contratto del commissario tecnico Antonio Conte, in scadenza nel giugno del 2016. Ma se effettivamente quest'ultimo dovesse decidere di andare via, nessun problema, si penserà al futuro con un nuovo condottiero.

C'è però da dire come, rispetto a qualche mese fa, la situazione di Conte sia molto diversa: tra l'ex Juventus ed il presidente c'è piena sintonia. Antonio, perplesso sul suo ruolo, da qualche mese a questa parte si è invece totalmente calato nella veste di selezionatore dell'Italia e non sente più, perlomeno per il momento, la necessità di tornare ad allenare ogni giorno, come accade nei club.

I due avranno un faccia a faccia decisivo a primavera, nel corso del quale il Ct comunicherà a Tavecchio la sua decisione definitiva. In quel caso si capirà se andrà ad allenare in Premier League (su di lui sembrano esserci Chelsea, City, United e Liverpool) o se vorrà continuare sino ai mondiali di Russia 2018. Chiaro comunque che la sua avventurà terminerà sicuramente nel momento in cui in Francia le cose dovessero andare male (eliminazione nella fase a gironi o agli ottavi di finale).


LEGGI DI PIU': Tavecchio: "Conte? Morto un Papa..." | Mandragora come Verratti


Nel momento in cui Conte dovesse lasciare, l'intento di Tavecchio sarà quello di contattare un allenatore di prima fascia. Secondo quanto riportato dalla Gazzetta dello Sport si parla di uno tra Capello, Lippi, Allegri o Spalletti. Più defilati ci sono Zaccheroni, Guidolin e Mazzarri, difficile l'ipotesi Fabio Cannavaro. Con Allegri affascinato dalla Premier dovesse lasciare la Juventus e Spalletti in ottica Roma, i nomi più papabili restano quelli del Ct di Germania 2006 (che nel suo staff, oltre a Ferrara, potrebbe richiamare anche Cannavaro) e dell'ex Russia.

Sembrano al momento da escludere invece le ipotesi che vorrebbero un giovane a guidare la nazionale tricolore: Pioli, Di Francesco o Montella restano per adesso in stand-by. Rappresentano invece due belle suggestioni, ma altrettanto difficili, quelle che portano i nomi di Sarri o Claudio Ranieri.

L'articolo prosegue qui sotto

Futuro a parte, i prossimi impegni della Nazionale sono fissati per fine marzo quando gli azzurri saranno impegnati in due amichevoli di alto livello. Il 24 marzo 2016 si giocherà Italia-Spagna e il 29 marzo, a Monaco di Baviera, Germania-Italia. A maggio, finito il campionato, gli azzurri si raduneranno a Coverciano per preparare l’Europeo in Francia.

L’Italia debutterà il 13 giugno a Lione alle ore 18 contro il Belgio, testa di serie del girone. Seconda partita il 17 giugno (ore 15) contro la Svezia di Ibrahimovic a Tolosa. Terza gara contro l’Irlanda, il 22 giugno a Lille (ore 21). Oltre l’Europeo, le qualificazioni per il Mondiale 2018 in Russia: primo impegno Israele-Italia il 5 settembre (Spagna, Albania, Macedonia e Lichtenstein le altre avversarie nel gruppo).

 

Chiudi