Italia-Bosnia, Bonucci esalta Mancini: "Ciò che è cambiato è il Ct"

Commenti()
Il capitano dell'Italia, Leonardo Bonucci, è intervenuto in conferenza stampa prima della gara con la Bosnia: "I giovani stanno giocando alla grande".

Il capitano dell'Italia, Leonardo Bonucci, è intervenuto in conferenza stampa alla vigilia della sfida di Qualificazione ad Euro 2020 contro la Bosnia e ha sottolineato i meriti del Ct Roberto Mancini nei recenti successi degli azzurri.

Segui Copa America e Coppa d'Africa live e in esclusiva su DAZN

"Cosa è cambiato da un anno fa? Ciò che è cambiato, su tutto, è il Ct. Il mister è arrivato con un'idea ben precisa, di riflesso questa è andata a spargersi nel calcio italiano. Tanti giovani sono riusciti a imporsi, dando il proprio contributo alla causa".

Il centrale della Juventus mette in guardia il gruppo in vista della delicata sfida di domani:

"La Bosnia merita grande rispetto, può dare fastidio, ha grandi giocatori come Dzeko e Pjanic, che domani rientra e fa girare la squadra come fa nella Juve. Non sarà sicuramente la Bosnia vista in Finlandia. Il goal? A noi interessa non prenderli, con Chiellini c'è un rapporto di amicizia e stima, ci giocheremo questo traguardo fino a fine carriera".

Una Nazionale ricca di talento, Mancini ha l'imbarazzo della scelta anche tra i pali in ottica futura:

"Abbiamo tanti portieri che possono vestire questa maglia. Sirigu lo conosco da quando siamo bambini, ma posso dire altrettanto bene di Perin, Donnarumma, Cragno, Gollini o Mirante. Abbiamo un futuro roseo per la porta, però la fase difensiva inizia dagli attaccanti. Belotti si è preso un giallo per rincorrere un avversario a dieci metri dalla nostra area".

Chiudi