Inter, Spalletti: “Abbiamo dei blackout, troppa distanza dalla Juventus”

Commenti()
getty images
Luciano Spalletti conferma l'analisi sulla disfatta della sua Inter a Bergamo: "I blackout non sono scomparsi, siamo lontani dalla Juventus".

Giornata da dimenticare per l'Inter di Luciano Spalletti, travolto sul campo dell'Atalanta dopo una striscia positiva di risultati. L'allenatore toscano ha provato a spiegare il blackout avuto a Bergamo.

Guarda su DAZN oltre 100 match di Serie A e tutta la Serie B: attiva ora il tuo mese gratuito!

Intervenuto ai microfoni di 'Sky Sport', Spalletti conferma i limiti visti nella sua squadra: "In questo filotto di partite avevamo abituati i nostri tifosi a un comportamento differente. I nostri blackout si sono diradati ma non sono scomparsi. Rimane il nostro difetto, dobbiamo impegnarci".

"L'analisi parte soprattutto da me, per capire se ho fatto il lavoro giusto per arrivare a questa partita. E vedendo com'è andata ci trovo delle scelte sbagliate, il risultato dice questo, anche se non posso andarci fino in fondo. La partita con il Barcellona ha pesato, anche per loro vedendo com'è andata in campionato", ha continuato l'alleantore nerazzurro.

L'articolo prosegue qui sotto

In questi giorni si è parlato tanto di Mourinho, ma Spalletti non sente pressione nel paragone con lo Special One sulla panchina nerazzurra: "L'ombra di Mourinho? Deve servire da stimolo, il paragone con chi ha vinto tutto è sempre positivo".

La distanza con la Juventus è ancora notevole, Spalletti torna sulla premiazione della Panchina d'oro: "Io ho votato Max perchè è un grande allenatore, è difficile vincere per così tanto su una stessa panchina. E' sempre stato vicino a vincere quasi tutto. Per quanto riguarda noi vedremo alla fine, dobbiamo guardare da dove siamo partiti e dobbiamo migliorare per arrivare a essere una squadra solida con un carattere ben definito".

Secondo Spalletti c'è ancora tanta strada da fare per competere con questa Juventus: "Ci accostate sempre alla Juventus ma noi siamo partiti troppo indietro, è troppo poco il percorso che abbiamo fatto per colmare quelle distanze lì. E' una questione di mentalità acquisita, una forza strutturale".

Chiudi