Notizie Risultati Live
Serie A

Inter-Icardi, pace ancora lontana: lo spogliatoio e Spalletti pretendono un chiarimento

08:17 CET 12/03/19
Mauro Icardi Inter 2018-19
Non si registrano passi avanti nel caso Icardi, spunta un patto dello spogliatoio: vittorie contro Eintracht e Milan per fare a meno del numero 9.

Nulla si muove all'Inter sul caso Icardi, con l'attaccante argentino che anche ieri si è limitato a una seduta di fisioterapia e a questo punto non tornerà sicuramente in campo prima della sosta.

La pace tra le parti, insomma, non è vicina come poteva sembrare dopo le recenti dichiarazioni di Marotta e Wanda Nara e nonostante i continui contatti tra lo stesso Marotta e l'avvocato Nicoletti.

Con DAZN segui la Serie A IN STREAMING, LIVE E ON DEMAND

Lo spogliatoio, ma anche il tecnico Spalletti, secondo quanto scrive 'La Gazzetta dello Sport' pretendono ancora che Icardi spieghi il comportamento delle ultime settimane per accettare il rientro in squadra dell'ex capitano.

Inoltre molti giocatori ricordano come alcuni di loro siano spessi scesi in campo con le infiltrazioni, smontando così la tesi del dolore al ginocchio utilizzata fin qui da Icardi per giustificare la sua assenza.

Ecco perché, in base a quanto riporta 'Tuttosport', lo spogliatoio avrebbe addirittura stretto un patto in vista del doppio impegno contro Eintracht e Milan che prevederebbe due vittorie per dimostrare al club di poter fare a meno di Icardi. Almeno sul campo.

Marotta invece intende comunque recuperare l'argentino anche in vista del prossimo calciomercato quando, ormai è quasi inevitabile, le strade dell'Inter e di Icardi si separeranno definitivamente.

Al momento le offerte per il numero 9 nerazzurro non abbondano di certo e inoltre, come risaputo, Icardi preferirebbe rimanere in Italia dove Juventus e Napoli sembrano le uniche destinazioni possibili.

Marotta, secondo 'Il Corriere dello Sport', sarebbe disposto a cedere Icardi ai bianconeri solo in cambio di Dybala, mentre il Napoli potrebbe presentare un'offerta importante per riportare in azzurro un numero 9 di livello.

Da qui a giugno però Icardi sarà ancora un giocatore dell'Inter, a Marotta quindi spetterà il compito di non disperdere un patrimonio del club pure a livello economico. Spogliatoio permettendo.