Notizie Risultati Live
Serie A

Il Milan è pronto a salutare il fondo Elliott: rifinanziamento in vista con un nuovo partner

11:54 CET 11/11/17
Han Li Marco Fassone Milan
Il Milan sarebbe vicino a definire l'accordo per un rifinanziamento più vantaggioso del debito a condizioni più vantaggiose con un nuovo partner.

Nuovo accordo di rifinanziamento del debito all'orizzonte per il Milan. Il club rossonero, secondo quanto riporta infatti 'Il Corriere della Sera', sarebbe prossimo a stipulare un'intesa quinquennale più vantaggiosa rispetto a quella con Elliott, che gli permetterebbe di liberarsi dal vincolo del 2018 con il fondo americano e guadagnare tempo sulla restituzione delle somme prestate, nonché per poter portare avanti i propri ambiziosi obiettivi sul piano sportivo.

Come noto, nell'aprile 2017 il Fondo Elliott  ha prestato complessivamente 303 milioni, di cui 180 al proprietario del Milan, Yonghong Li, per un tasso dell’11,5%, 123 al club (tasso 7,7%). Il debito così contratto va restituito entro ottobre 2018: in caso contrario, Elliott si prenderebbe il Milan per una cifra decisamente bassa, probabilmente per rivenderlo in fretta a qualcun altro acquirente e far fruttare al massimo l’investimento.

L'obiettivo dell'a.d. Fassone e della società era liberarsi entro la Primavera dell'imminente scadenza, e secondo 'Il Corriere della Sera', grazie all'opera dell'advisor incaricato dal club di Via Aldo RossiBgb Weston, starebbe per essere conseguito con largo anticipo.

Il Milan avrebbe firmato un contratto in esclusiva di 8 settimane con la società finanziaria, che si è impegnata a trovare il soggetto, banca o fondo, che rifinanzierà il club. Questa soggetto, al momento ancora ignoto, sarebbe già stato individuato

Delle 8 settimane di durata dell'esclusiva, le prime quattro saranno impiegate per una due diligence approfondita del piano di sviluppo del Milan, le altre quattro per finalizzare l’affare. Che però sarebbe già a buon punto, per la soddisfazione del club rossonero e dei suoi tifosi.

Il Milan otterrà dunque di rifinanziare il suo debito a condizioni più vantaggiose, ottenendo in prestito più soldi da restituire in un arco di tempo maggiore (5 anni). "Da 2-3 mesi abbiamo studiato delle soluzioni alternative a quelle già presentate al Milan in estate, - ha spiegato Lorenzo Gallucci, a capo del team di Bgb al lavoro sulla pratica Milan - che calzassero meglio con le esigenze del club. Sono fiducioso che si possa arrivare a qualcosa di definitivo anche prima delle otto settimane, con tempistiche decisamente più rapide dei classici rifinanziamenti".

"La soluzione identificata rifinanzia sia il Milan, sia Yonghong Li; - ha assicurato ancora Gallucci - il finanziamento andava rivisto senza penalizzare il club e naturalmente in un periodo più lungo, dai tre ai cinque anni". Il Milan, insomma, si appresta a salutare Elliott per un nuovo partner finanziario più vantaggioso.