Notizie Livescore
Europa League

Il Milan all'Old Trafford: diverse sconfitte, ma col sorriso finale

08:39 CET 10/03/21
Man Utd-Milan precedenti GFX
Il Milan tornerà protagonista all’Old Trafford nell’andata degli ottavi di finale di Europa League. Sarà l’undicesima sfida contro lo United.

Sono due tra i club più titolati e gloriosi al mondo e in passato si sono spesso affrontati in partite che hanno messo in palio poste dal peso specifico importantissimo. Manchester United e Milan torneranno a sfidarsi ad oltre dieci anni dall’ultima volta e lo faranno, cosa che non era mai accaduta, in Europa League .

Lo scenario per eccellenza delle gare, spesso epiche e che hanno avuto per protagonisti alcuni tra i più grandi fuoriclasse di sempre, che in passato hanno visto opposti Red Devils e rossoneri è sempre stata la massima competizione continentale: quindi la Coppa dei Campioni o la Champions League .

Quello che andrà in scena nell’andata degli ottavi di finale di Europa League sarà l’undicesimo confronto ufficiale tra le due squadre ed il bilancio parla al momento di una parità assoluta: cinque vittorie per parte e nessun pareggio.

Spessissimo ad essere decisivo è stato il fattore campo: se si vanno infatti a considerare i risultati delle singole sfide giocate all’ Old Trafford o al Giuseppe Meazza , il discorso diventa molto più sbilanciato sia da una parte che dall’altra: quattro vittorie ed una sconfitta per il Manchester in Inghilterra, contro quattro vittorie ed una sconfitta per i meneghini in Italia.

Il Milan si appresta quindi a giocare su un campo tradizionalmente ostico , ma non sempre le sconfitte patite a Manchester si sono poi tradotte in eliminazioni. Anzi. Il bilancio finale infatti dice 4 passaggi del turno ad 1 per i rossoneri.

La prima storica sfida tra Manchester United e Milan risale all’ 8 maggio 1958 . All’ Old Trafford le due squadre si affrontano in un match valido per la semifinale d’andata della Coppa dei Campioni .

Sulla panchina degli inglesi siede il mitico sir Matt Busby , mentre a guidare i rossoneri è Giuseppe ‘Gipo’ Viani . Finirà 2-1 per i Red Devils che si imporranno in rimonta grazie alle reti di Dennis Viollet (storico bomber dello United, nonché uno dei sopravvissuti del disastro aereo di Monaco di Baviera che solo pochi mesi prima era costato la vita a ben otto giocatori e tre membri dello staff) ed Ernie Taylor . Ad aprire inizialmente le marcature era stato Schiaffino , che poi al ritorno realizzerà una doppietta (di Liedholm e Danova le altre reti) nel 4-0 che vorrà dire approdo alla finalissima di Bruxelles poi persa 3-2 contro il Real Madrid di Di Stefano, Gento e Kopa.

Manchester United e Milan dovranno poi attendere undici anni per ritrovarsi di nuovo avversarie e, ancora una volta, lo faranno in semifinale di Coppa dei Campioni.

E’ il 15 maggio 1969 e Old Trafford si gioca la gara di ritorno. I Red Devils , guidati ancora dal leggendario Matt Busby, vincono 1-0 grazie ad un goal siglato da sir Bobby Charlton al 70’ , ma questo risultato non basterà loro per staccare il pass della finale.

Nella sfida di andata i meneghini si erano infatti imposti per 2-0 grazie alle reti di Sormani ed Hamrin. Gli uomini allenati da Nereo Rocco , voleranno quindi a Madrid dove batteranno in finale l’Ajax di Rinus Michels e Johan Cruijff con un netto 4-1, in una notte passata alla storia per la mitica tripletta di Pierino Prati .

Manchester United e Milan si sfideranno poi ancora nel 2005 . La Coppa dei Campioni intanto si chiama Champions League e la gara dell’ Old Trafford è valida per l’andata degli ottavi di finale.

Sir Alex Ferguson si affida ad un tridente composto da Giggs e due giovanissimi attaccanti da poco esplosi che in seguito avrebbero fatto parlare non poco di loro: Wayne Rooney e Cristiano Ronaldo .

La partita è equilibrata e dopo 20’ di marca soprattutto inglese sono i rossoneri guidati da Carlo Ancelotti a prendere in mano il pallino dei gioco e a non lasciarlo più. Il Milan sfiora diverse volte un vantaggio che arriva al 78’ quando Hernan Crespo si avventa su un pallone non trattenuto da Carroll su tiro centrale di Seedorf e lo ribadisce in rete. Per i rossoneri, che solo due anni prima avevano festeggiato il trionfo in finale di Champions League proprio all’ Old Trafford contro la Juventus , è il goal che vale l’1-0 ed il primo storico successo nel ‘Teatro dei sogni’ .

Quel Milan si spingerà poi fino in finale, dove verrà clamorosamente battuto dai rigori dal Liverpool all’ Ataturk di Istanbul.

E’ il 24 aprile 2007 quando Manchester United e Milan si affrontano nuovamente all’ Old Trafford , questa volta per la semifinale di andata di Champions League. La gara è bellissima e viene sbloccata già al 5’ da Cristiano Ronaldo che approfitta di un clamoroso errore di Dida in uscita.

Nonostante lo svantaggio iniziale il Milan non si scompone ed anzi già nel corso del primo tempo riuscirà a ribaltare il risultato grazie ad una doppietta di uno straordinario Kakà . Sarà proprio questa quelli che in molti ritengono essere stata la miglior prestazione in assoluto del fuoriclasse brasiliano con la maglia rossonera addosso. I suoi goal sono bellissimi ed il secondo in particolare, quando con un colpo di testa supera Evra ed Heinze portandoli a scontrarsi tra loro, verrà ricordato come uno dei più belli di quella stagione.

Sarà poi lo United ad imporsi per 3-2 grazie ad una doppietta nella ripresa di Wayne Rooney (goal decisivo in pieno recupero), ma il Milan poi vincerà al ritorno per 3-0 e si guadagnerà un pass per la finalissima di Atene dove si prenderà la sua rivincita contro il Liverpool.

L’ultimo confronto tra le due squadre all’ Old Trafford risale al 10 marzo 2010 . Manchester United e Milan si affrontano nel ritorno degli ottavi di finale dell’ edizione 2009/10 della Champions League .

Questa volta non c’è storia e gli uomini di Ferguson, dopo aver già espugnato con un 3-2 San Siro , vincono con un netto 4-0 che porta le firme di Rooney (doppietta), Ji-sung Park e Darren Fletcher.

I rossoneri, guidati in panchina da Leonardo , non riusciranno ad opporre resistenza e si arrenderanno ad una squadra che poi nel turno successivo sarà fermata da quello stesso Bayern che in finale verrà sconfitto 2-0 dall’Inter.