Il Fisco spagnolo su Ronaldo: “Arresto possibile anche in Italia”

Commenti()
Il Fisco spagnolo non molla Cristiano Ronaldo: "Il suo trasferimento alla Juventus non cambia i suoi problemi legali".

L'arrivo di Cristiano Ronaldo segna sicuramente una nuova era in casa Juventus, che ora potrà dare la caccia alla Champions League con l'uomo simbolo delle ultime edizioni. Il Fisco spagnolo non concede però una tregua al fuoriclasse portoghese nonostante l'ultimo patteggiamento.

Un nuovo modo di vedere la Serie A e la Serie B: scopri l'offerta!

L'articolo prosegue qui sotto

La lunga battaglia giudiziaria si era chiusa con il pagamento della somma a seguito del patteggiamento, ma il segretario generale del sindacato del ministero delle Finanze spagnolo Jose Maria Mollinedo avvisa CR7 ai microfoni di 'Marca'.

"Il suo trasferimento in Italia non cambia i suoi problemi col Fisco: se venisse emesso un mandato di arresto, sarebbe attivabile anche lì. I suoi avvocati lo difenderanno in Spagna e controlleremo anche il suo operato sul suolo italiano".

La condanna con la condizionale non ammette altri passi falsi per Ronaldo con la giustizia iberica. Tra le cause del suo addio a Madrid potrebbe esserci proprio il mancato supporto del club Blancos durante questa vicenda. 

Prossimo articolo:
Roma, Di Francesco: "De Rossi e Kolarov non convocati"
Prossimo articolo:
Inter, Skriniar verso il derby: “Il Milan non è solo Higuain”
Prossimo articolo:
Juventus-Genoa, Allegri non cambia: Perin in panchina
Prossimo articolo:
Bayern, sfuriata della società: “Basta critiche ingiuste”
Prossimo articolo:
Calciomercato Roma, Herrera soluzione low cost: Porto rassegnato
Chiudi