Il Chievo poteva perdere Birsa, ma... "Preferisco il calcio che conta alla Cina"

Commenti()
Getty
Valter Birsa ha rifiutato proposte importanti dalla Cina, spinto dalla volontà di continuare a giocare davanti a palcoscenici più suggestivi.

Si può rinunciare alle offerte milionarie provenienti dalla CIna? Evidentemente sì, se ti chiami Valter Birsa. Il trequartista del Chievo Verona non si è lasciato affascinare dalle lusinghe economicamente allettanti dalla nuova fronteria del calcio mondiale.

Extra Time - Gautieri alla Ternana, ecco la figlia Marianna

A rivelarlo è proprio il diretto interessato, come si legge sul 'Corriere del Veneto': "La Cina? Era molto lontana. Sappiamo perché si va là: dicendo sì a certe offerte economiche puoi sistemare te e chi ti sta intorno".

La spiegazione del rifiuto è semplice: "Alla fine, non ci ho mai pensato seriamente perché c’era poco di concreto. E restare qui, al Chievo, in Italia, nel calcio europeo, significa restare al massimo livello”.

Birsa, quindi, ha preferito continuare a giocare davanti a palcoscenici tra i più importanti d'Europa, piuttosto che riempirsi ulteriormente le tasche.

 

Chiudi