Il CEO di Dazn, Rushton: "Ci scusiamo per i disagi, il servizio migliorerà"

Commenti()
Getty
L'amministratore delegato di DAZN ha fatto il punto dopo il primo weekend di Serie A, nel quale ha fatto il suo debutto la piattaforma di Perform.

Il CEO di Dazn, James Rushton , dopo il weekend che ha visto la nuova piattaforma di Perform debuttare in Serie A, ha rilasciato un'intervista a 'La Gazzetta dello Sport', analizzando i risultati delle prime tre gare trasmesse.

Con DAZN avrai oltre 100 match di Serie A in esclusiva e tutta la Serie B IN STREAMING, LIVE E ON DEMAND

"Per prima cosa, avendo i tifosi al centro del nostro business qualsiasi problema che impatta sull’esperienza di Dazn da parte dei fan è un problema serio e, ovviamente, ci rammarichiamo per i disagi - ha esordito Rushton - Dazn monitora la sua pila tecnologica e le relative prestazioni per il consumatore finale in tempo reale utilizzando oltre 250 punti dati individuali. Ciò significa che abbiamo avuto assoluta chiarezza delle prestazioni della piattaforma, incluso il peggioramento del servizio nei primi 20 minuti del secondo tempo di Lazio-Napoli. Considerate che le partite Dazn di Serie A di sabato e domenica sono state il più grande e il secondo più grande evento in streaming mai trasmesso in Italia".

L'articolo prosegue qui sotto

Rushton ha poi approfondito l'aspetto tecnico: " All’inizio della ripresa di Lazio-Napoli abbiamo avuto un peggioramento della performance, relativo a un singolo Cdn (i Cdn sono reti di server per la distribuzione dei contenuti audiovisivi che gli operatori acquistano per avere una capacità aggiuntiva, ndr). Ciò ha generato il re-buffering (quando l’immagine si impalla, ndr) per circa il 10% di tutti gli utenti per un periodo di 20 minuti. Possiamo confermare che la falla di sistema non ha alcuna correlazione diretta con il numero totale di visualizzazioni o con la pila tecnologica di Dazn, la capacità dei Cdn o la dorsale Internet italiana.Regoliamo e ottimizziamo la qualità dell’immagine sia per il dispositivo che per il tipo di connessione dell’utente. Il problema del re-buffering ha avuto un impatto su tutti i dispositivi. I dispositivi da salotto hanno ottenuto risultati significativamente migliori rispetto a quelli mobili. Mentre sempre più persone iniziano a utilizzare Dazn su smart tv e console, i dati suggeriscono chiaramente che l’esperienza visiva migliorerà".

Nessun tipo di problema, invece, relativamentealla rete italiana: "L’attuale infrastruttura italiana non è un problema per noi. In occasione del nostro picco di domenica, Dazn stava utilizzando circa il 30% della capacità a disposizione attraverso i nostri partner Cdn e continueremo a lavorare duramente con loro per migliorare costantemente il servizio".


 

Prossimo articolo:
Calciomercato Roma, Schick richiesto dal Tottenham: no dei giallorossi
Prossimo articolo:
Calciomercato Milan, Diawara chiesto al Napoli: no degli azzurri
Prossimo articolo:
Calciomercato gennaio, notizie e trattative: Genoa, ipotesi Stepinski
Prossimo articolo:
Calendario Serie B 2018/2019
Prossimo articolo:
Liga, risultati e classifica 20ª giornata - Poker del Getafe
Chiudi