Hazard e la tentazione Blancos: "Il Real Madrid è sempre il Real Madrid"

Commenti()
Getty Images
Eden Hazard, intervistato a France Football, è tornato sulla possibilità di andare al Real Madrid: "Si parla sempre del Real, anche senza Zidane...".

Eden Hazard ha iniziato la stagione senza indugi: dopo 23 giornate di Premier League, il belga ha già collezionato 10 goal e 10 assist con il Chelsea. L'onda lunga dell'entusiasmo del Mondiale, in cui è stato uno dei migliori, lo ha portato in quello che può essere l'Olimpo del calcio, vicino ai mostri sacri Messi e Cristiano Ronaldo.

Clicca qui per attivare il mese gratuito su DAZN: vedi oltre 100 match di Serie A e tutta la Serie B in esclusiva

Il fantasista classe 1991 ha parlato a 'France Football' proprio dei due dominatori degli ultimi 10 anni di calcio, del loro livello e di quello che è riuscito lui a raggiungere.

"Sono stato a quel tavolo per molto tempo, anche se sono stati solo sei mesi, ho assunto una dimensione importante dal post-Mondiale. Lo posso sentire, anche negli occhi delle persone. Ma per quanto hanno fatto loro per dieci anni, essere paragonati a loro due è impossibile".

Hazard si è poi soffermato sulla differenza e sulla mentalità che lo differenzia rispetto ad altri: la voglia di divertirsi e non pensare a numeri e trofei, nonostante un palmarès importante soprattutto in Inghilterra con il Chelsea.

"Loro pensano a goal, assist, trofei, vittorie. Io non sono mai stato così. Ci sono molti giocatori come me che giocano per divertirsi. Se dovessi finire la stagione con 30 goal e 20 assist, diranno tutti che è stato qualcosa di eccezionale, anche se dovessi sbagliare tante partite. Ma preferisco giocare una partita come il quarto di finale al Mondiale con il Brasile, anche senza goal o assist. Gioco a calcio per arrivare a partite come quella"

Rimane forte la tentazione Real Madrid, a cui Hazard è stato riptutamente accostato nel corso delle settimane, specialmente con un rinnovo con il Chelsea che sembra non arrivare. Nonostante le difficoltà dei 'Merengues', il belga ha le idee chiare sul firmare con i 13 volte campioni d'Europa:

"Perché no? Anche senza Zidane, il Real Madrid è sempre il Real Madrid."

Chiudi