Hamsik109 e Maradona vicino: "Ora lo prendo. Dopo Palermo parlavano..."

Commenti()
Tripletta per Hamsik, ora a -6 dal record di goal di Maradona: "Dopo il Palermo dicevano delle cose di noi, ci siamo rialzati. Ora prendo Diego...".

Undici goal in stagione, otto in campionato, tre dei quali contro il Bologna. Una serata magica per capitan Marek Hamsik, che nonostante la caterva di reti segnate da quando veste la maglia azzurra non aveva mai avuto tale fortuna: primo tris con il Napoli, primo pallone portato a casa.

Scarpa d'Oro, Mertens ad un passo dalla vetta

Sono 109 in carriera col Napoli per Hamsik, che con la sublime prova di Bologna ha superato una leggenda azzurra come Sallustro, ora fermo a 108: davanti a Marechiaro c'è solo lui, con la L maiuscola. Maradona è a 115, obiettivo sempre più vicino per il numero 17, partenopeo da una vita.

"Sono contentissimo per la mia prima tripletta, il pallone che porto a casa sarà un trofeo personale importante" ha dichiarato Hamsik al termine della sfida del Dall'Ara. "E' una vittoria importante su un campo difficile. Stiamo crescendo, proviamo a diventare grandi. Peccato per il Palermo, ma ci siamo rialzati. Abbiamo dimostrato di potercela giocare con tutti".

Del record di Maradona si deve parlare per forza: "Se non lo prendo quest'anno sarà l'anno prossimo, sarò contento. Non sarò mai più grande di Diego, mi vorrei togliere lo sfizio di superarlo nelle reti segnate con la maglia del Napoli. Il Real Madrid? Prima pensiamo al Genoa".

Insigne Hamsik Bologna Napoli Serie A

Hamsik ci tiene anche a togliersi un sassolino dalla scarpetta della gloria: "Dopo Palermo si dicevano delle cose su di noi, noi siamo contenti di aver fatto questa gara. In cinque minuti avevamo già deciso la partita, vogliamo continuare così".

L'articolo prosegue qui sotto

Compirà trent'anni a luglio, ma Hamsik gioca in Serie A da una vita: di fatto il 2016/2017 è il suo decimo in maglia azzurra e nella massima serie (escludendo una presenza nel 2004/2005 col Brecia, prima di due annate in Serie B). Rimarrà nella storia come uno dei grandi di questo decennio, leader e maximo centrocampista goleador.

Già a undici tra Serie A e coppe, punta con decisione a superare il suo record personale: nel 2010/2011 e nel 2014/2015 si spinse fino a tredici, un traguardo dietro l'angolo che può arrivare da un momento all'altro. Fascia da capitano sul braccio, cresta in bella vista, pronto a fare la storia.

 

Chiudi