Guardiola ironico: "Perché giocare in Premier? Siamo già campioni!"

Pep Guardiola Manchester City 2020
Getty
15esima vittoria di fila per il Manchester City, Pep Guardiola può godersi la sua 'rivincita': "Due o tre mesi fa eravamo fuori da tutto".

Quella contro lo Swansea in FA Cup è stata la quindicesima vittoria consecutiva per il Manchester City, una striscia da record che potrebbe allungarsi in caso di risultato positivo all'Etihad Stadium col Tottenham sabato pomeriggio.

Ruolino impressionante che ha permesso ai 'Citizens' non solo di guadagnare la vetta della Premier League, ma anche di mettere tra essi e il Manchester United un distacco di cinque punti, che potrebbe salire addirittura ad otto in virtù della gara in meno giocata dagli uomini di Guardiola.

Il tecnico spagnolo ha parlato nella conferenza stampa post-Swansea utilizzando un tagliente filo d'ironia per riferirsi alle voci negative di inizio stagione, quando la sua squadra non godeva della massima considerazione da parte della critica.

"Due o tre mesi fa eravamo fuori da tutto: non avevamo alcuna possibilità di essere campioni, di qualificarci per la Champions, ma adesso ci siamo. Quindi, forse, non dovremmo più scendere in campo in Premier perché siamo già campioni. Non capisco perché ci tocchi giocare contro Tottenham ed Everton se siamo già campioni!".

Il tono di Guardiola, infine, si è fatto improvvisamente più serio.

"Niente è eterno, niente è perfetto. Solo perché abbiamo vinto in passato non significa che vinceremo in futuro. Dobbiamo concentrarci sulla prossima partita. In carriera, nelle squadre in cui ho allenato, ho sempre pensato così e questa non è un'eccezione".

Chiudi