Goal Economy - Inter & Roma, come convivere con il Fair Play Finanziario?

Commenti()
Marco Bellinazzo de "Il sole-24 ore" fa il punto della situazione sul non facile mercato estivo che attende Inter e Roma nelle prossime settimane.

E’ un mercato “condizionato” dal fair play finanziario e dagli obblighi assunti con la Uefa quello di Inter e Roma. Ma lo sarà ancora per pochi giorni. In particolare per i nerazzurri.


INTER


Spalletti Zhang jr Inter

Lo scorso aprile la società nerazzurra si è vista riconoscere dalla Uefa il merito di aver raggiunto gli obiettivi stabiliti nel Settlement Agreement firmato nel 2015 rientrando nei limiti dei 30 milioni di deficit per il periodo fiscale 2016. In questo modo il club ha evitato il pagamento di ulteriori 7 milioni di multa. Tuttavia la stessa Uefa  ha ribadito per l’Inter l’obbligo di raggiungere il pareggio di bilancio al 30 giugno 2017. Ora, al 30 giugno 2016 l’Inter ha subito una perdita di 59 milioni (anche se calcolata in base ai criteri stabiliti dal Financial Fair Play è risultata di minore entità e pari appunto a meno di 30 milioni).

Per riequilibrare i conti al 30 giugno 2017 la società può alzare il fatturato con nuove entrate oppure vendere giocatori per ottenere plusvalenze sufficienti a colmare il gap. La proprietà Suning ha garantito nuovi introiti con l’acquisto dei naming rights della Pinetina (circa 15 milioni), mentre un altro importante contratto con un’azienda cinese, dopo quello con la casa automobilistica SWM Motors, divenuta Official Car per l’area Greater China, assicurerà circa 20 milioni a stagione. Questo nuovo accordo sarà annunciato a breve insieme al nome del munifico sponsor. Per tenere i conti ancorati allo zero (al netto dei calcoli relativi ai costi non rilevanti per la Uefa e supponendo nella stagione che sta per chiudersi un incremento dei costi operativi di importo pari a questi ultimi) serviranno plusvalenze per 20/25 milioni.

Ritirato Perisic dal mercato, si sta trattando la vendita al Siviglia di Jovetic (già in prestito nell'ultimo semestre) e Banega per ottenere questo target. Dopo di che l’Inter potrà ragionare più liberamente sui conti del 2018 quando si rientrerà negli ordinari parametri triennali del fair play Uefa. Il mancato ingresso in Champions certo peserà sul versante dei ricavi, ma Suning sta lavorando per alzare ancora le entrate commerciali.  


ROMA


Mohamed Salah Liverpool

Cessioni remunerative sono state già messe a punto dalla Roma. Il club di James Pallotta, pur avendo centrato gli obiettivi Uefa per il 2015 e il 2016 (un deficit complessivo di 30 milioni), deve stare attento ai conti perché nel Settlement Agreement con Nyon si è impegnato a raggiungere una perdita totale di 30 milioni (dopo gli aggiustamenti per i costi non rilevanti per la Uefa) nel periodo di monitoraggio della stagione sportiva 2017/18, relativo perciò agli esercizi 2014/15, 2015/16 e 2016/17.

Quindi avendo già ottenuto questo obiettivo tra 2015 e 2016, con il bilancio al 30 giugno 2017 bisognerà avvicinarsi a quota zero. Anche in questo caso la strada più semplice è quella delle plusvalenze. Anche perché nella scorsa stagione la Roma ha fallito l’ingresso nei gironi di Champions e per un team che ha un costo della rosa (tra ingaggi e ammortamenti) di circa 200 milioni rispetto a un fatturato standard (diritti tv, commerciale e stadio) di 130/140 milioni si tratta di una zavorra notevole.

In ogni caso con l’operazione Salah, venduto al Liverpool per 42 milioni più bonus per ulteriori 8 milioni, e con quella in via di realizzazione di Manolas, in procinto di passare allo Zenit per oltre 30 milioni, la situazione contabile dovrebbe virare al sereno. A questo punto toccherà al Ds Monchi completare il roster finanziando gli ingressi con altri oculati affari in uscita dopo il 1° luglio.

Chiudi