Notizie Risultati Live
Ligue 1

Ginola e la lotta tra la vita e la morte: "Il mio cuore fermo per otto minuti"

13:35 CET 28/11/16
David Ginola
L'ex campione francese, David Ginola, ricorda il malore che l'ha colto a maggio: "Avevano quasi perso la speranza".

Quello che sta per finire è stato per David Ginola un 2016 non propriamente da ricordare. Come noto infatti, l’ex stella di PSG, Newcastle e Tottenham, a maggio è stato colto da un malore che la costretto ad un intervento per l’impianto di un quadruplo bypass, in quanto erano state riscontrate gravi lesioni coronariche.

Ligue 1, 14ª giornata - Cavani fa volare il PSG

Dopo la grande paura, l’ex centrocampista transalpino oggi si è messo il peggio alle spalle e, parlando a The Sun, ha ricordato quegli attimi in cui la sua vita è stata appesa ad un filo e nei quali si è salvato anche grazie all’ausilio di un defibrillatore: “Molti di coloro che erano con me pensavano che stessi scherzando, poi è stato un mio amico a capire la gravità della situazione. Ho ingoiato la lingua e i miei amici hanno fatto di tutto per tirarla fuori dalla mia lingua ma i miei denti continuavano a chiudersi”.

Immediato è stato l’arrivo dei sanitari: “Quelli del servizio d’emergenza dissero ‘Dimenticate il problema della lingua, è morto, il suo cuore si è fermato, dobbiamo concentrarci sul petto’. Il mio cuore si è fermato per otto minuti almeno, non c’erano impulsi, ero morto e quando anche la terza scossa con il defibrillatore non ha dato esiti hanno iniziato a perdere la speranza”.

Ginola non sapeva di soffrire di tali problemi: “Non c’erano stati avvertimenti. Ad un certo punto ho sentito un forte dolore all’inguine ma comunque ho voluto giocare. Devo ringraziare il mio amico Frederic Mendy, sono vivo grazie a lui, con il suo intervento ha fatto in modo che il sangue continuasse ad arrivare al cervello”.