Notizie Risultati Live
Serie A

Gianfelice Facchetti non le manda a dire all'Inter: "Un gruppo di morti in piedi"

14:16 CEST 08/05/17
Goran Pandev Genoa Inter
Gianfelice Facchetti lancia una stoccata ai giocatori dell'Inter: "Sono un gruppo di morti in piedi, serve rispetto per l'etica del lavoro".

L'ennesima sconfitta in campionato - la terza consecutiva, la quinta delle ultime sette gare - è lo specchio della disastrosa stagione dell'Inter: gli uomini di Pioli rischiano fortemente di non qualificarsi nemmeno alla prossima Europa League, obiettivo minimo dichiarato.

Il morale della truppa nerazzurra è ai minimi storici, così come ovviamente quello dei tifosi che non sanno più a quale santo votarsi: tra quesi anche Gianfelice Facchetti, figlio della leggenda interista Giacinto che ha usato parole dure nei confronti dei giocatori.

Intervistato da 'Radio Deejay - parole arrivate anche durante un fuori onda - non le ha di certo mandate a dire: "L'etica del lavoro deve essere rispettata, sono dei professionisti che vengono strapagati per correre in campo, anche se non si lotta per lo Scudetto. In questo periodo preferisco andare in montagna invece che allo stadio per guardare un gruppo di morti in piedi".

Un attacco in piena regola: "Credo che le parole spettino a chi comanda, ci vuole rispetto per i tifosi e per questa maglia storica. Manca qualcuno che spieghi cosa significhi il senso di appartenenza come ad esempio Lele Oriali, anche se non penso possa giustificare il crollo delle ultime settimane".