Giaccherini e i rimpianti: "Battendo la Germania potevamo vincere l'Europeo"

Commenti()
Getty Images
A due giorni dall'eliminazione dall'Europeo francese parla Giaccherini: "La vittoria più grande è stata far tornare l'amore per la Nazionale agli italiani".

E' finita da due giorni l'avventura italiana ad Euro 2016. Delusione gigantesca per i giocatori della Nazionale azzurra e tutti i suoi tifosi, che hanno seguito con il fiato sospeso i calci di rigore contro la Germania: alla fine, tra le lacrime, avanti i tedeschi di Low. Finisce il ciclo Conte.

Un ciclo conclusosi con il rinnovato amore degli italiani per la Nazionale: come a Euro 2012 grande entusiasmo per le vicende azzurre, prima delle lacrime. Si ripartirà con Ventura, che dalle prossime settimane darà l'assalto ai Mondiali russi, con la qualificazione come minimo obiettivo.

L'articolo prosegue qui sotto

"La vittoria più grande è stata far tornare l'amore per la Nazionale negli italiani" le parole di Giaccherini a 'Radio Kiss Kiss Napoli'. "Sicuramente c'e' dispiacere per il risultato ma usciamo a testa alta; speriamo di ripartire da settembre e di dare sempre di più. Il sorteggio non e' stato favorevole. Scontrarsi con la Spagna agli ottavi e con la Germania ai quarti è stata dura".

Giaccherini è il massimo pupillo di Conte, ora concentrato solamente sul Chelsea: "Perdiamo un allenatore davvero importante, un campione come pochi al mondo: il gruppo rispecchiava la sua immagine. La scelta di Ventura credo sia collegata a Conte. Penso che abbia il profilo ideale per ricoprire la carica di ct".

"Purtroppo è sempre una lotteria dal dischetto. Il rimpianto più grande è pensare che se avessimo battuto la Germania, avremmo avuto grandi possibilità di vincere quest'Europeo. Sono comunque orgoglioso per l'accoglienza che ci hanno riservato i tifosi".

Chiudi