Germania, Müller furioso per l'esclusione: "Non capisco il motivo"

Commenti()
Getty Images
Thomas Müller si sfoga sui social dopo la decisione di Löw di non convocarlo più: "Non capisco perché debba essere una scelta definitiva".

Thomas Müller non l'ha presa bene. Affatto. Ed è naturale che sia così. Perché la clamorosa decisione di Joachim Löw di chiudere definitivamente le porte della Germania a lui e ai compagni di squadra Hummels e Boateng non ha preso di sorpresa solo il mondo del calcio, ma anche i tre campioni.

Con DAZN segui la Serie A IN STREAMING, LIVE E ON DEMAND

E così, Müller si è sfogato su Twitter. Ha pubblicato un tweet con un video registrato per spiegare le proprie ragioni, per contestare la decisione del commissario tecnico e per ribadire il proprio amore per la maglia della Germania, con la quale si è issato in cima al mondo a Rio de Janeiro, nell'estate del 2014.

"Più ci penso e più mi arrabbio per il modo in cui tutto è stato gestito. Non capisco perché questa decisione debba essere definitiva. Sono rimasto interdetto da questa decisione. Un ct deve fare delle scelte, non lo metto in dubbio, ma io Mats e Jerome possiamo ancora giocare ai massimi livelli. Assieme alla DFB abbiamo costruito un percorso lungo e di successo nel corso degli anni. Subito dopo aver appreso la decisione del ct, abbiamo letto il comunicato della DFB e del suo presidente. Secondo me è mancato stile. Sono sempre stato orgoglioso di vestire la maglia della Nazionale tedesca. Ho sempre dato tutto. È stata un'avventura incredibile. Sono un lottatore e da ora guarderò avanti. Non è finita".

Difficilmente Löw, che aveva già sorpreso tutti escludendo la stellina Sané dalle convocazioni per i Mondiali russi, tornerà sui propri passi. Il ct e Oliver Bierhoff hanno giustificato la scelta con la volontà di pensare al futuro, all'emergere di una nuova generazione. Da oggi il trio Müller-Hummels-Boateng dovrà concentrarsi solo sul Bayern.

Chiudi